Archivio

tragedia

Fidentino cade dalla bici a Vernasca e muore

Luigi Gandolfi, 58 anni, è finito a terra forse a causa di un malore

18 ottobre 2015, 13:45

Fidentino cade dalla bici a Vernasca e muore

Un ciclista fidentino è morto ieri pomeriggio a Borla, in comune di Vernasca.
Si tratta di Luigi Gandolfi, 58 anni, residente in città. L’uomo, che era solo e stava percorrendo con una bicicletta da corsa la salita che conduce alla località Comini, è stato trovato a terra, agonizzante, da tre ciclisti di passaggio. Non si esclude che a causare la morte sia stato un malore che potrebbe aver preceduto la caduta.
I tre ciclisti hanno allertato subito i soccorsi e sul posto è intervenuto anche l’elicottero del Soccorso alpino da Pavullo nel Frignano (Modena), ma quando i soccorritori sono arrivati per lui non c’era più nulla da fare. Sul posto anche l’ambulanza della Pubblica assistenza di Vernasca, l’automedica di Fiorenzuola e i carabinieri.
L’uomo, in tenuta sportiva, stava percorrendo la strada provinciale di Borla, in territorio di Vernasca, a poca distanza dal confine con la provincia di Parma. Una zona molto battuta dai cicloamatori, anche da quelli fidentini. Alla sua caduta a terra non ha assistito nessun testimone. E anche la sua bicicletta non presentava tracce di urti provocati da altri veicoli e questo ha subito portato a escludere un incidente stradale che avesse coinvolto un altro soggetto.
In realtà, come poi è stato accertato, deve essersi sentito male improvvisamente, cadendo a terra privo di sensi e battendo il capo. Secondo una prima ricostruzione, pare che il ciclista provenisse dalla valle e stesse risalendo la collina in direzione di Borla e Vernasca.
Sul posto sono intervenuti i carabinieri della stazione di Vernasca che hanno subito avviato gli accertamenti per identificare l’uomo, che non aveva con sé documenti d’identità. Sono intervenuti anche i carabinieri di Lugagnano.
Dopo il nulla osta del magistrato, la salma è stata messa a disposizione dei familiari e trasportata a Fidenza. S.L.