Archivio

ANTEPRIMA

Eicma, le moto di domani

23 ottobre 2015, 20:14

Eicma, le moto di domani

Eicma, l'esposizione mondiale della moto, entra nel secondo secolo di vita con rinnovato ottimismo. Il settore delle due ruote è tornato a brillare dopo un periodo buio, registrando in Europa un aumento di vendite del 4% e in Italia addirittura del 6,4%. Il salone internazionale del motociclo, in programma a Rho Fiera dal 17 al 22 novembre con l'ingresso al pubblico a partire dal giorno 19 (il venerdì, da tradizione, le donne entrano gratis), potrà vantare 25 premiere mondiali, 1400 presenze di espositori e 120 aziende rappresentate da tutto il pianeta.

«Eicma è un'occasione straordinaria per celebrare un settore che ha sempre partecipato da protagonista al sistema produttivo italiano e che ha sempre contribuito a rendere autorevole il nostro Paese all'estero - commenta il presidente di Eicma Antonello Montante -. Con questa edizione inizia una nuova era, Eicma vuole sostenere più che mai le imprese che operano a livello internazionale e quelle che si stanno affacciando ora ai mercati esteri». «Sarà un'edizione da record - l'augurio del direttore generale Pier Francesco Caliari alla presentazione a Milano - ci aspettiamo di fare almeno uno spettatore in più dell'anno passato, quando abbiamo chiuso a 635mila».

In Europa circolano circa 36 milioni di ciclomotori e motocicli, 8,5 solo in Italia. Il giro d'affari dei costruttori che hanno propri impianti di produzione in Italia è quantificabile in 3,8 miliardi; le aziende che hanno sede in Italia impiegano circa 15.000 addetti.

Novità e conferme per questa edizione: all'interno di MotoLive, l'area di gara allestita in fiera, verranno disputate le finali degli Internazionali d'Italia di Supercross e verrà assegnato il titolo di Sx European Champion; in Eicma Custom saranno mostrate le più artistiche moto artigianali mentre nel Temporary Bikers Shop sarà possibile acquistare accessori e componenti usati. Debutta l'area sicurezza con la campagna sociale di Ancma «Occhio alle due ruote», patrocinata dal Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA