Archivio

Moto

Rossi: "Marquez aveva un piano"

Il pilota della Yamaha: "Non volevo farlo cadere, non era mia intenzione, volevo solo portarlo fuori traiettoria".

25 ottobre 2015, 13:40

Rossi:
Valentino Rossi ha parlato a margine della gara di Sepang, caratterizzata dal contatto con Marc Marquez per il quale è stato penalizzato in vista del GP di Valencia. 
 
"Purtroppo non volevo arrivare a questo punto. Mi sarei voluto giocare il campionato con Jorge fino alla fine. Però Marquez ha dimostrato che quello che avevo detto giovedì era vero. Speravo che smascherandolo fosse un avvertimento abbastanza chiaro e speravo si comportasse in maniera diversa... Invece ha fatto peggio", le parole del pesarese. 
 
"Io non volevo farlo cadere, non era mia intenzine - ha aggiunto -. Volevo solo portarlo fuori traiettoria per fargli perdere tempo. Mi aveva portato allo sfinimento. Volevo sfuggire a quello che, da parte sua, era un attacco scorretto".
 
E ancora: "Quando sono andato largo ci siamo toccati ma non è vero che gli ho dato un calcio. E' succeso che lui mi ha toccato con il manubrio nella coscia sinistra aprendomi la gamba. Quando mi scivola il piede dalla pedana lui comunque è già caduto". 
 
"E' un epilogo brutto per tutti. E' brutto finire così, mi sarebbe piaciuto giocarmela con Lorenzo ma Marquez ha voluto decidere chi avrebbe vinto. Si è visto poche volte qualcosa di simile nella storia dello sport. Marquez ha fatto una bruttissima figura. Con questa sanzione ha vinto lui perchè il suo piano è andato a buon fine. Non penso che sia una sanzione giusta perchè non volevo farlo cadere", ha poi concluso il 'Dottore'.

Rossi:

© RIPRODUZIONE RISERVATA