Archivio

Ortogiardinobalcone

La "signora" Ortensia

di Mara Troni

26 ottobre 2015, 08:27

La

Oggi parliamo di Ortensie ossia di Hydrangea macrophylla perfette da coltivare in piena terra ma anche in vaso. Hydrangea è una pianta robusta che resiste al freddo e al caldo ma capricciosa nelle fioriture. Considerate le «signore» del giardino, le ortensie crescono compatte e ordinate: quando fioriscono lo fanno in modo esuberante ma con eleganza. Sono piante acidofile quindi bisogna fare attenzione al terreno dei vasi che deve essere quello adatto, in giardino riescono a dare ottimi risultati se piantate all’ombra dei grandi abeti o cedri dove il suolo è sempre tendenzialmente acido.

La concimazione va fatta due volte all’anno in autunno e a fine inverno sempre con concime organico. Il punto nevralgico per le ortensie è la potatura, perché se non è eseguita correttamente si compromette la fioritura. Vanno potate preferibilmente a fine inverno, nelle piante più giovani è sufficiente eliminare le infiorescenze secche rimaste sulla pianta tagliandole in corrispondenza della prima o della seconda coppia di gemme.

Negli esemplari più vecchi, oltre a togliere le infiorescenze secche, ogni anno va eliminato un terzo dei rami più vecchi e legnosi tagliandoli alla base. Le infiorescenze delle ortensie sono molto decorative anche essiccate e per ottenerle mettetele, una volta recise, in un bicchiere con tre dita d’acqua.