Archivio

il caso

Iene e Marquez: denunce e controdenunce

31 ottobre 2015, 15:03

Iene e Marquez: denunce e controdenunce

Doveva essere uno sketch ironico con la consegna della cosiddetta Coppa di Minchia da parte delle due "Iene" Stefano Corti e Alessandro Onnis a Marc Marquez. Invece finirà nel peggiore dei modi.

Non solo perché - a quanto dicono i due inviati - i famigliari del pilota catalano abbiano rotto le telecamere e fatto sparire le schede video e nemmeno per le smentite del centauro della Honda e le contraccuse della stampa iberica, che ha parlato di un’aggressione al 22enne.

Piuttosto, invece, per le conseguenze che ha scelto di adottare Marquez. Ovvero: la denuncia.

Lo ha comunicato il pilota con una nota ufficiale:

"Ieri ci sono stati alcuni sfortunati eventi a Cervera. Un gruppo di persone si è presentato davanti alla casa del pilota e ha rivolto una serie di insulti, con determinate azioni umilianti e ridicole verso il pilota e arrivando anche a spingere e aggredire i suoi parenti più stretti. Data la gravità dell'azione, questi atti sono stati denunciati e seguiranno il normale svolgimento di un procedimento penale nei confronti di tali persone. Il rappresentante del pilota, Emilio Alzamora, date le circostanze, riportando i fatti chiede 'le azioni di questo tipo non si ripetano oltre al meritato rispetto sia a Marc e alla sua famiglia".

Le Iene al contrattacco

Non si placa la querelle tra Marc Marquez e le "Iene" Stefano Corti e Alessandro Onnis, che hanno annunciato di aver dato mandato ai loro legali di denunciare il pilota e i suoi familiari per aggressione, lesioni, calunnia e rapina. La versione riportata dal comunicato dei rappresentanti legali del pilota "contiene una rappresentazione dei fatti non veritiera" -recita una nota della redazione de Le Iene-. "Il pilota non è stato nè insultato nè umiliato, tantomeno nessuno dei componenti della sua famiglia è stato spinto o strattonato. Al contrario -si legge- sono state le due Iene Stefano Corti e Alessandro Onnis a subire violenza. Marquez era stato avvicinato mentre era con il padre e il fratello con un premio scherzoso per le vicissitudini che lo hanno visto protagonista in pista. Ma al momento della consegna della coppa i due inviati sono stati aggrediti senza che potessero spiegare il senso del nostro gioco" recita il comunicato. "Gli assalitori hanno rotto la telecamera e si sono impossessati delle schede video con le immagini che mostreremmo se ci venissero riconsegnate. Un altro filmato è nelle mani di Marquez: sua madre ha registrato tutto l’accaduto con un cellulare. Se volesse potrebbe rendere pubblico il video. Per fortuna, però, siamo riusciti a salvare alcuni materiali che documentano come sono andate effettivamente le cose e che vedrete lunedì sera su Italia Uno. Oggi stesso Stefano Corti ed Alessandro Onnis hanno dato mandato ai loro avvocati per denunciare Marc Marquez e i suoi familiari per aggressione, lesioni, calunnia e rapina".