Archivio

viaggi

Stoccolma, principessa del nord

Alla scoperta della capitale svedese. Scorci medievali e ristoranti stellati nella città dei Nobel e di Millennium

02 novembre 2015, 19:30

Stoccolma, principessa del nord

Una volta la paragonavano a Venezia. Ma era prima che le cupe suggestioni dei libri gialli togliessero spazio alla placida immagine dei suoi canali. In passato, per anni, è stato il paradiso dell’arredamento low cost, famoso per le istruzioni a rebus. Ma ancora non si si immaginava che le tendenze moda potessero nascere sulle sponde del Baltico. Prima che catene come H&M colonizzassero di centri commerciali di casa nostra. Insomma dici Stoccolma e sfogli luoghi comuni. Poi sbarchi ad Arlanda, a 45 km dal centro e avvicinandoti al centro della capitale scopri che quello che pensavi di Stoccolma forse era vero. Ma probabilmente non lo è più. E che la città svedese nel frattempo ha di certo cambiato molte volte stile e volto. Anche se qualche aspetto, per fortuna si mantiene: ovvero l’amore per la vita all’aria aperta della sua gente e il fascino di Gamla Stan, la città vecchia. Specchiarsi nei suoi canali tra le case arrivate sino ad oggi dal medioevo è sempre una emozione. Anche se certo, in questa stagione, dopo una piacevole passeggiata tra i vicoli il vento già freddo vi spingerà presto ad una sosta per un caffè. Ecco, proprio durante una di queste soste, sbocconcellando l'immancabile biscotto allo zenzero, preparatevi un itinerario. Per scoprire che Stoccolma è diversa. E che vi conquisterà.

Il cuore antico

Gamla Stan è uno dei centri storici di epoca medievale meglio conservati al mondo. E’ come un gomitolo di vicoli tortuosi fiancheggiati da edifici dai profili irregolari, negozi di artigianato e gallerie. Non abbiate paura a buttare l’occhio nei cortili: sarete premiati da scorci fatti di soffitti a volta e immagini del passato. Imperdibile poi la visita alla cattedrale dove la principessa ereditaria e suo marito si sono sposati nel 2010. Infine MårtenTrotzigs Gränd, un vicolo tanto stretto che è possibile toccare le pareti degli edifici su entrambi i lati.

Lunga vita a sua maestà

Storicamente la monarchia svedese è una tra le più amate d’Europa. E il palazzo nel cuore della città merita di certo una visita con le sue 600 stanze. L’edificio, aperto al pubblico e che ospita anche cinque musei, è stato in gran parte costruito durante il XVIII secolo in stile barocco italiano, sul luogo dove si trovava un castello distrutto da un incendio. Ricordatevi di ammirare la Sala di Stato con il trono d'argento della regina Kristina, e le Sale degli Ordini Cavallereschi. Infine mettetevi in fila per la sfilata dei soldati e il cambio della guardia.

Emozioni in giallo

Basta dire Stoccolma per evocare la trilogia Millennium di Stieg Larsson, un fenomeno letterario senza precedenti: più di dieci milioni di copie vendute e milioni di fan in tutto il mondo. In una delle piazze principali dell’isola di Södermalm, Södermalmstorg, si trova il Museo civico da dove, grazie a dettagliate piantine parte il Millennium Tour, per ripercorrere i luoghi del libro e scoprire le tracce della trilogia di Stieg Larsson. La maggior parte dei posti descritti nella saga, infatti, esiste davvero ed è riprodotta dallo scrittore con minuziosa precisione. Bere una birra al Kvarnen, storico pub frequentato dalla protagonista del libro non è cosa di tutti i giorni.

Una città sull’acqua

Stoccolma è costruita su 24 isole collegate tra di loro da 57 ponti ma l’intero arcipelago si allarga sulla bellezza di 24mila isole. Ricordate che un'esplorazione tra queste isole è una esperienza da non perdere. Il modo più veloce, bastano un paio di ore, è lo Skärgårdsrace, ovvero corsa per l’arcipelago che vi darà una veduta d’insieme. Ma se vorrete dedicare una giornata ecco un paio di idee: Vaxholm: è la meravigliosa capitale dell’arcipelago, a un’ora di traghetto dalla città. E’ una distesa di casette di legno in tinte pastello e offre un’ottima offerta di negozietti, caffè e ristoranti. Per chi ama la natura imperdibile è Gällnö, a due ore da Stoccolma, una riserva naturale coperta da una fitta pineta con le tipiche casette in legno rosse decorate da lillà.

Aria da Nobel

L’isola di Kungsholmen, facilmente raggiungibile con una passeggiata ospita lo Stadshuset, il municipio di Stoccolma, uno dei profili più caratteristici della città. Si tratta di un edificio in stile romantico svedese, con una torre sormontata dalle Tre corone dello stemma nazionale. E’ qui che si tiene il ricevimento dei premi Nobel. Tra le sale più belle che l’edificio ospita al suo interno, c’è la Sala Dorata, così chiamata per i mosaici composti da 18 milioni di tessere d’oro.

Per trascorrere la sera

Södermalm, l’isola meridionale di Stoccolma si raggiunge a piedi da Gamla Stan, attraversando un doppio ponte. Si tratta di un’area molto animata soprattutto la sera dove si concentrano numerosi bar e ristoranti lungo le strade principali dell’isola. Provate il Pelikan, una vecchia birreria in Blekingegatan con squisiti piatti tradizionali. Nella piazza Södermalmstorg si trova il Museo civico che racconta la storia di Stoccolma e dei suoi abitanti, e di come la città si sia sviluppata da piccolo centro medievale originario a grande capitale.

Sapor di scandinavia

Le polpette dell'Ikea sono il passato. Ora regna la creatività. Meglio se a KM zero. La nuova cucina svedese, nelle mani di giovani talenti che stanno conquistando notorietà internazionale si basa su accostamenti inediti per dare vita a una nuova linea di cucina nordica. E i risultati si vedono: in città si trovano ora due ristoranti con due stelle e ben sette con una. E la stella nascente Frantzén/Lindberg è stato premiato al 31° posto tra i 50 migliori ristoranti al mondo. I sapori? Spesso sorprendenti grazie all’uso delle parti meno pregiate del maiale, le aringhe, i frutti di bosco e le erbe aromatiche locali che ritrovano il loro posto nei piatti.

DA SAPERE
Come arrivare: L'aereoporto Arlanda di Stoccolma si trova a 45 km a nord del centro della città ed è il terminale della maggior parte delle compagnie internazionali mentre l'altro aeroporto, Skavsta, a 100 km a sud di Stoccolma è utilizzato per alcuni voli low-cost.

Che tempo fa: Il clima in Svezia non è di certo caldo e nel periodo invernale Stoccolma si ricopre di neve, le temperature scendono sotto lo zero toccando i – 10°. Questo avviene soprattutto nel mese di gennaio e di febbraio. Da ricordare inoltre che nel giorno del solstizio d’inverno la luce solare dura soltanto 6 ore, per il resto cala il buio. L’inverno dura da novembre a maggio e non è raro vedere il mare che circonda la città ricoprirsi di ghiaccio.