Archivio

Salsomaggiore

Villa Garibaldi in dono al Comune: al suo interno un polo museale

di Manrico Lamur

02 novembre 2015, 21:59

Villa Garibaldi in dono al Comune: al suo interno un polo museale

Villa Garibaldi e l’area verde circostante saranno adibite ad una destinazione socio culturale dopo la cessione che verrà effettuata dagli attuali proprietari al Comune di Salsomaggiore. La decisione è stata presa nel corso dell’ultima seduta del Consiglio comunale con i voti favorevoli della maggioranza ed i contrari dell’opposizione. Una delibera di carattere prettamente tecnico quella votata dalla maggioranza ma che in sostanza ha sancito il primo passo verso la cessione di Villa Garibaldi e di una parte dell’area verde circostante, situate poco dopo il campo sportivo comunale «Francani», attualmente di proprietà privata, al Comune di Salso.

Secondo l’amministrazione, è di rilevante interesse per la comunità tale acquisizione per consentire un maggiore sviluppo delle attività oggi insediate costituendo, inoltre, un incremento del patrimonio comunale. Successivamente, come spiegato dal presidente del consiglio comunale Francesco Mergoni, i beni, ai quali sarà data una destinazione socio-culturale, e museale in particolare, verranno conferiti dal patrimonio comunale a quello di una Fondazione creata ad hoc che avrà il compito di gestire il polo museale. Un’operazione senza nessun costo per l’ente locale, a detta della maggioranza, che ha risposto così ad alcune obiezioni che sono state mosse dai consiglieri di minoranza Marco Caselgrandi (Uniti per Salsomaggiore), Matteo Orlandini (Cambiare Salsomaggiore, e Franco Bressanin (Movimento 5 Stelle), in particolare sugli eventuali oneri di manutenzione a carico del Comune.

Tra gli argomenti all’ordine del giorno anche l’accordo quadro con il Comune di Fidenza per la manutenzione delle strade comunali. «L’accordo avrà una durata di quattro anni e comporterà un impegno di spesa tra un minimo di 250 mila ed un massimo di 540 mila spalmato su tutta la durata dell’accordo stesso – ha affermato l’assessore ai Lavori Pubblici, Paolo Canepari, presentando la delibera – che va nella direzione di stringere altre collaborazioni con Fidenza». Anche in questo caso, la delibera è passata con i voti della maggioranza e di Bressanin (5 Stelle), e l’astensione della minoranza. Infine, via libera bipartisan per la mozione presentata da Matteo Orlandi (Cambiare Salsomaggiore), su iniziativa della sezione locale del movimento «Fare di Flavio Tosi», sul baratto amministrativo: un’iniziativa che permette, in presenza di particolari condizioni, ai cittadini di effettuare lavori socialmente utili a fronte del mancato adempimento fiscale.