Archivio

il caso

Sicurezza, San Leonardo non si arrende

05 novembre 2015, 10:27

Sicurezza, San Leonardo non si arrende

Un gruppo di cittadini di San Leonardo scrive una lettera, tra allarme e voglia di non arrendersi allo stato in cui, scrivono, si trova il quartiere,"assediati costantemente da bande di spacciatori". La richiesta di maggiore attenzione (da parte di istituzioni e forze dell'ordine) ma anche di collaborazione da parte degli altri cittadini:

Siamo un gruppo di abitanti di San Leonardo assillati dalla situazione critica che stiamo vivendo nel nostro quartiere, assediati costantemente da bande di spacciatori che ci fanno sentire impotenti ed insicuri, anche dove abitiamo, nelle nostre strade.
Avevamo richiesto al Consiglio Cittadini Volontari (CCV) un incontro per sollecitare l’intervento delle istituzioni e l’applicazione della Mozione sulla Sicurezza approvata dal Consiglio Comunale, nel settembre scorso, e di misure adeguate a contrastare il fenomeno.
Il CCV ci ha invitato a partecipare, insieme ad altri cittadini, alla riunione che si è tenuta Giovedì 29 ottobre alle 21 nella sede della Circoscrizione S. Leonardo sul tema della sicurezza.
Alla riunione hanno partecipato anche 3 rappresentanti dell’Arma dei Carabinieri.
Sono state condivise le forti preoccupazioni per una situazione che diventa di giorno in giorno più critica, dove le misure adottate fino ad ora non hanno dato alcun risultato significativo nella lotta allo spaccio.
I cittadini hanno chiesto un cambio di passo nell’azione delle Forze dell’Ordine, nuove attività che possano finalmente contenere e ridurre il fenomeno.
Pur in assenza di soluzioni concrete riteniamo importante aver aperto un canale di comunicazione con il Consiglio e con alcuni Rappresentanti delle Forze dell’Ordine perché questo ci consentirà di proseguire nel lavoro di incalzante vigilanza e sollecitazione nei confronti delle Istituzioni preposte e di trovare soluzioni comuni a questo grave problema.
La collaborazione dei cittadini e la segnalazione delle situazioni anomale (la cui importanza è stata evidenziata anche dai appresentanti dell’Arma), riteniamo sia un aiuto fondamentale per contrastare il fenomeno. Non vogliamo rassegnarci al soffocamento del quartiere, della città in cui viviamo, tra i lacci della trama del malaffare.

firmato
UN GRUPPO DI CITTADINI DI SAN LEONARDO