Archivio

MotoGp

Jorge Lorenzo vince a Valencia ed è campione del mondo

08 novembre 2015, 15:47

Jorge Lorenzo vince a Valencia ed è campione del mondo

 Jorge Lorenzo è campione del mondo. Nessuna sorpresa dopo quanto accaduto a Sepang. L’acesso duello con Marc Marquez e la penalità di tre punti sulla patente, con conseguente partenza dall’ultima posizione nell’ultima gara, è costato il mondiale al 'dottorè. Valentino, protagonista di una straordinaria rimonta sulla pista di Valencia, non va oltre la quarta posizione. In mezzo le due Honda di Marc Marquez e Dani Pedrosa; il primo gira su tempi molto simili al vincitore pur non azzardando mai il sorpasso, il secondo, invece, prova nel finale ad inserirsi e supera in una occasione il compagno di squadra ma deve accontentarsi della terza piazza. Per Jorge Lorenzo è il quinto mondiale della carriera, conquistato davanti alla propria gente. Lo spagnolo conduce la gara dopo essere partito dalla pole e bada a rimanere concentrato senza troppo guardare a quanto accadeva dietro, ben protetto dalle Honda. E finalmente nel dopo gara Lorenzo ha anche ammesso il gioco di squadra tra i piloti spagnoli: "Marquez e pedrosa sono stati rispettosi perchè il titolo rimanesse in Spagna. Sapevano quello che mi giocavo e senza il piccolo aiuto delle Honda Valentino poteva togliermi il campionato. Il titolo è mio, nostro, ma anche della Spagna". Parole che dicono tutto. In ogni caso a Lorenzo vanno fatti i complimenti per la bella rimonta. 
Marquez anche oggi è stato un pò timido nei riguardi di Lorenzo e anche le sue parole al termine della gara dimostrano lo scarso feeling con Rossi, che a suo dire lo ha accusato ingiustamente di favorire il suo avversario. Buona gara anche da parte di Pedrosa che però giustifica con una sofferenza sull'anteriore il fatto di essere rimasto dietro e un errore con un errato cambio di marcia in una curva. Per lui comunque un buon quarto posto complessivo nel mondiale. Il più deluso di tutti non può essere che Valentino Rossi che si è visto sfuggire un titolo che ad un certo punto della stagione sembrava suo. Resta comunque un campionato straordinario, quello di Rossi, in cui ha fatto valere tutta la sua esperienza. La chiave della stagione, in negativo, è stato il comportamento di Marquez e il dottore lo dice chiaramente: "Nella seconda parte di stagione Jorge è stato molto bravo ma fino a quando le cose sono andate normalmente, ero in io in testa e avevo grandissime possibilità di vincere. Poi da Phillip Island in poi è successo qualcosa di strano, il comportamento di Marquez è stato imbarazzante, bruttissimo per il nostro sport". Resta l’amarezza, ma siamo certi che nonostante la differenza di età con i suoi avversari Rossi ci riproverà. Un siccesso "al veleno", Marquez viene accusato di aver aiutato e favorito Lorenzo, non ostacolando la sua cavalcata trionfale, pur avendo i numeri per andare più veloce. E il web si è scagliato contro il "biscotto" (Guarda la Gallery)

Vasco Rossi: "Valentino sei un grande. Gli altri sono dei pagliacci" (Leggi)

Rossi al veleno contro Marquez

"Lorenzo è stato molto bravo, sarebbe stato bello giocarsela ad armi pari, avrei voluto giocarmela in pista. Così invece è stata una cosa molto brutta e penso che anche lui non sia molto contento". Valentino Rossi si sfoga ai microfoni di Sky Sport dopo la fine del Gran Premio di Valencia che lo ha visto chiudere quarto e perdere così il titolo Mondiale. Lorenzo ha ammesso che nell’ultimo Gp i due connazionali della Honda, Marquez e Pedrosa, sono stati 'rispettosì nei suoi confronti. "E' diventato il cross delle Nazioni... - ironizza il Dottore a Sky - Io non lo so se Marquez abbia protetto Lorenzo perchè sono tutti e due spagnoli ma è triste che gli faccia da guardaspalle. Lorenzo ha meno colpe di Marquez, lui non avrebbe mai fatto quello che ha fatto Marquez. Ma per il suo comportamento dopo la Malesia si merita di essere trattato come Marquez, poteva stare zitto. Già giovedì sapevo che sarebbero andati fino in fondo a questa cosa, dalle dichiarazioni di Marquez, che 'avrebbe fatto di tutto per battere Lorenzò, ho capito che in realtà avrebbero fatto il biscottone, come si dice nel calcio. Sono triste, è una grande occasione sfumata ma è andata così". "Come sto? Sinceramente ho ancora l’adrenalina della gara, magari col passare delle ore mi peserà di più - chiosa Rossi - Già sapevo che sarebbe finita così, che Marquez avrebbe guardato le spalle a Lorenzo. Il grandissimo rimpianto resta Phillip Island, perchè ero più veloce di Lorenzo e l’avrei battuto. E’ stato quello il turning point del finale di stagione".

E' stata una stagione veramente bella, ci siamo costruiti questa possibilità di lottare per il campionato dalla prima gara. Nella seconda parte di stagione Jorge è stato molto bravo ma fino a quando le cose sono andate normalmente, ero in io in testa e avevo grandissime possibilità di vincere. Poi da Phillip Island in poi è successo qualcosa di strano, il comportamento di Marquez è stato imbarazzante, bruttissimo per il nostro sport". E’ l’atto di accusa di Valentino Rossi al termine del Gran Premio di Valencia dove, partito dall’ultimo posto, ha chiuso quarto vedendo sfumare il titolo a favore di Lorenzo.

Te l’avevo detto giovedì o no? Che schifo...". Sono le parole 'catturatè da Sky che Valentino Rossi ha pronunciato incontrando Carmelo Ezpeleta, patron della Dorna Sports, alla fine de Gran Premio di Valencia che ha visto Lorenzo vincere gara e titolo. Possibile che Rossi volesse riferirsi alla scarsa aggressività di Marquez nei confronti del maiorchino.

Lorenzo: "Dagli spagnoli della Honda un piccolo aiuto"

"Il momento più difficile è stato vedere Pedrosa avvicinarsi. Pensavo di rischiare di finire terzo e perdere il Mondiale ma loro, sapendo che mi giocavo il titolo, sono stati rispettosi perchè il titolo rimanesse in Spagna". Jorge Lorenzo ringrazia Marquez e Pedrosa per non averlo messo troppo pressione a Valencia, consentendogli di conquistare il quinto titolo mondiale della carriera. "Ho dato il massimo per tutta la gara ma era difficile con le Honda - confessa - Loro sono spagnoli come me, sapevano quello che mi giocavo e senza il piccolo aiuto delle Honda Valentino poteva togliermi il campionato. Il titolo è mio, nostro, ma anche della Spagna".

Marquez: "La verità? Non riuscivo a stare dietro a Lorenzo"

Alla fine faccio sempre il 100%, in Malesia è successo quello che è successo, dire che un pilota aiuta un altro è una mancanza di rispetto». Alla fine del Gp di Valencia lo spagnolo della Honda Marc Marquez non vuole sentir parlare di 'aiutinì a connazionali. «La verità oggi è che non riuscivo a stare dietro a Lorenzo». «Non potevo prenderlo ci ho provato e non sono contento d’aver finito la gara senza una vittoria», aggiunge Marquez. «Quando mi ha sorpassato Pedrosa ho perso tempo. Rossi e Jorge hanno fatto un bel Mondiale, tutti e due hanno meritato»

APPLAUSI MA ANCHE FISCHI DAL PUBBLICO. Fischi per Jorge Lorenzo sul podio di Valencia sono stati rivolti dal pubblico sotto il palco, tra i quali molti sostenitori di Valentino Rossi, quando il neocampione del mondo è comparso dalle scale. Un paio di bordate, nulla più, presto soffocate dal silenzio rispettoso per l’esecuzione degli inni nazionali e quindi seguite dagli applausi per il terzetto spagnolo che ha dominato la gara, Lorenzo-Marquez-Pedrosa, lasciando un inutile quarto posto a Valentino Rossi.

OVAZIONE PER VALENTINO. Ovazione per Valentino Rossi al ritorno ai box dopo la fine del Gp che ha visto trionfare il compagno-rivale Jorge Lorenzo e sfumare il sogno del decimo titolo per il pesarese. L’italiano della Yamaha ha forse ricevuto più applausi rispetto a Lorenzo che ha vinto in casa gara e Mondiale. 

MARQUEZ: NEL 2016 "CERCHEREMO DI LOTTARE DI NUOVO PER IL TITOLO". "Il secondo posto non è il modo migliore per chiudere la stagione ma la prossima cercheremo di lottare di nuovo per il titolo". Sono le parole di Marc Marquez, secondo al termine del Gran Premio di Valencia. "All’inizio Jorge ha spinto davvero molto forte, io ho guidato oltre il limite - racconta a fine gara il 22enne di Cervera -. Quando Pedrosa ha raffreddato un po' le gomme, io le ho sforzate troppe e negli ultimi giri ho fatto fatica. Volevo preparare un attacco a Lorenzo negli ultimi due giri, poi Dani mi ha superato e abbiamo perso tempo. Ho cercato all’ultima curva di passare all’esterno ma era troppo rischioso". 

LORENZO ABBRACCIA IL RE. Un abbraccio con Juan Carlos suggella il trionfo a Valencia di Jorge Lorenzo prima di salire sul podio insieme con i connazionali Marquez e Pedrosa. «E' stata una gara davvero difficile, avevo tanta pressione addosso - ha detto il maiorchino -. E’ bellissimo essere 5 volte campione del mondo. Sono fiero per il mio Paese».