Archivio

Travolte tre persone

Investe 3 persone: il pirata della strada è il campione europeo di Volley

10 novembre 2015, 17:36

Investe 3 persone: il pirata della strada è il campione europeo di Volley

E’ stato Earvin Ngapeth, 24enne schiacciatore della Francia neo campione d’Europa di pallavolo e della Dhl Modena, a investire in auto tre persone (una è in ospedale in gravi condizioni) a Modena nella notte tra giovedì e venerdì scorsi e poi a fuggire. Lo rende noto la società Pallavolo Modena che ha sospeso momentaneamente il giocatore e che riporta il suo commento dell’accaduto.  «Sono sconvolto e dispiaciuto - dichiara l’atleta francese -. Ho deciso di presentarmi davanti alla procura di Modena per assumermi le mie responsabilità. Chiedo scusa alle persone coinvolte, ai loro famigliari, alla società, ai miei compagni di squadra, agli sponsor e ai tifosi per il mio comportamento. Spero che possano riprendersi presto, mi dispiace moltissimo».
I tre uomini erano stati travolti in via Argiolas, all’esterno di un locale, dalla vettura guidata dal francese e mentre due di loro avevano riportato lievi lesioni, il terzo, di 41 anni, è ancora ricoverato in prognosi riservata all’Ospedale di Baggiovara di Modena.
«Alla luce dei fatti che hanno coinvolto Earvin Ngapeth, la società stessa vuole in primo luogo esprimere il proprio sostegno alle persone coinvolte nell’incidente e alle loro famiglie», dichiara in una nota Modena Volley, la società per cui gioca il pallavolista francese che si è presentato in procura a Modena confessando di aver travolto tre persone nella notte tra giovedì e venerdì scorso.
«Il fatto poi che Earvin Ngapeth si sia assunto le proprie responsabilità - prosegue la nota - è un elemento che riteniamo fondamentale per la nostra società, perchè è coerente con i valori che sono alla base della squadra e dello sport. Proprio per questo Modena Volley ha ritenuto giusto sospendere temporaneamente il giocatore dall’attività agonistica».

Un precedente

 Il 21 luglio del 2015  Ngapeth era stato fermato alla stazione parigina di Montparnasse: l'accusa è di aggressione a un controllore della società dei treni francese. Un episodio nato dopo che il giocatore avrebbe cercato di impedire la partenza del treno ad alta velocità per far salire dei suoi compagni. Ngapeth, però, si è sempre professato estraneo all'accaduto. La prima udienza del processo è il 22 febbraio 2016.