Archivio

INNOVAZIONE

Parma fa da cavia a «Simon», app per disabili e anziani

E' l'unica città ad adottarla. Facilita la mobilità nelle aree urbane: Infomobility sta sperimentando il progetto. Sono coinvolte anche Lisbona, Madrid, Essen e Valencia

di Luca Molinari

11 novembre 2015, 16:46

Parma fa da cavia a «Simon», app per disabili e anziani

Comunicare l’accesso nelle Ztl «in diretta», ottenere informazioni sui parcheggi per disabili e utilizzare al meglio il trasporto pubblico. Sono solo alcune delle funzioni di «Simon», l’innovativa applicazione per facilitare la mobilità di anziani e disabili nella zona urbana, che sta sperimentando Infomobility nell’ambito di un progetto di respiro europeo.

«Parma è l’unica città italiana scelta per partecipare a questo progetto finanziato dall’Ue – sottolinea Giovanni Bacotelli, amministratore unico di Infomobility – perché rappresenta un esempio a livello internazionale per quanto riguarda la mobilità dei disabili. Per noi e per il Comune di Parma è un vero onore poter contribuire a migliorare la mobilità di queste persone».

Il progetto, dal valore di oltre 250 mila euro, è partito nel gennaio del 2014 e coinvolge città come Lisbona, Madrid, Essen e Valencia. Attualmente Parma è impegnata a sperimentare la nuova applicazione. «Abbiamo effettuato un primo test con una ventina di persone disabili – spiega Bacotelli – e ora allargheremo ulteriormente la sperimentazione per valutare eventuali modifiche e migliorie all’applicazione che entro la fine del 2016 sarà a disposizione di tutti. Grazie al dialogo tra varie associazioni di Parma si è formato un network di collaborazione, fondamentale per rendere la nuova app più fruibile e utile a tutti i soggetti che ne hanno necessità».

In sostanza «Simon» propone delle soluzioni tecnologiche e innovative per muoversi nelle aree limitate al traffico, per utilizzare al meglio il trasporto pubblico locale e per accedere più facilmente ai parcheggi riservati ai disabili. Per maggiori informazioni o per partecipare al progetto è possibile collegarsi al sito http://simon-project.eu/.

A giugno inoltre a Parma è stato organizzato un workshop su «Simon» pensato per coinvolgere tutte le realtà legate al mondo della disabilità e riflettere sul tema dell’accessibilità delle aree urbane. Infomobility in questi anni ha partecipato ad altri progetti europei legati alla mobilità. Tra questi «Karma», per incentivare l’utilizzo della bicicletta, ed «Ecostars», per rendere sempre più efficiente il trasporto effettuato dalle flotte di veicoli commerciali e passeggeri.

‎ Nei giorni scorsi infine una delegazione parmigiana - composta dall’assessore comunale alla Mobilità Gabriele Folli, dal vicepresidente della Tep, Mirko Rubini, dall’amministratore Unico di Infomobility, Giovanni Bacotelli ed Eugenia Capone, dell’ufficio progetti Europei di Infomobility – ha partecipato al 13° Forum annuale di Civitas, un’iniziativa co-finanziata dall’Unione Europea che si occupa della politiche di mobilità, infrastrutture, mezzi di trasporto innovativi per migliorare la vivibilità dei centri urbani. All’evento hanno partecipato più di 500 rappresentanti provenienti da tutta Europa, Stati Uniti, Giappone, Centro America, America Latina e Asia.

Il Forum si è aperto con l’insediamento del nuovo Comitato politico di Indirizzo. Sono estati eletti all’unanimità il presidente, Steen Moller, delegato del sindaco di Odense, e il vicepresidente, Gabriele Foll, entrambi con un mandato che durerà 2 anni.