Archivio

dialetto e modi di dire

Quando c'era Parma bell'arma

27 novembre 2015, 20:08

Quando c'era Parma bell'arma

Negli anni '60 e inizio '70, ad accompagnare i parmigiani al Natale c'era una strenna attesissima, intitolata "Parma bell'arma". Un numero unico natalizio, coordinato da giornalisti della Gazzetta (in particolare Aldo Curti), ma che chiamava all'appello i tanti fuoriclasse "strajè" del giornalismo parmigiano, che dopo gli esordi in provincia (e quasi sempre in Gazzetta) avevano poi lasciato Parma per farsi strada sui principali quotidiani nazionali. "Parma bell'arma" usciva quindi con le firme dei vari Corradi, Torelli, Goldoni, Bevilacqua....e tutti facevano in modo di non mancare all'appello.

Una strenna, dunque, di altissimo livello, che non mancava inoltre di dedicare spazio al sorriso e alle tradizioni, compreso ovviamente il dialetto. Quello che segue è un elenco di modi di dire parmigiani firmati da Bruno Lanfranchi: una serie di battute che, così come le barzellette in vernacolo, finivano spesso anche sui dischi 45 giri (allora vendutissimi).

Ecco allora, da "Parma bell'arma" del 1964, i modi di dire parmigiani di Lanfranchi: alcuni potranno apparire un po' datati, ma altri conservano per intero la fulminante ironia del nostro vernacolo. 

(La grafìa è quella originale della rivista, così come l'illustrazione)

1) L'era 'n om tant magher che s'als' meteva un pigiama a righi a se vdeva na riga soltant.

2) L'era 'n om tant alt che par me-tress al capel bisognava ch'al s' cucciss.

3) L'era 'n om tant grass che par bottonares al zachett, bisognava ch'al fiss un pass a l'indré.

4) L'era 'n om tant sord ch'al ne sentiva gnanca s'al s'ciamava da lù.

5) L'era 'n om tant picén che par nen pérdres al s'tgneva par man.

6) L'era 'n om tant debol e tant de-perì, che da la paura ad cascar al portava semper l'arloj scaregh.

7) L'era l'om pu alt dal mond, tant alt che quand al s'cucceva al la doveva far a ripresi pr'abituar al corp ai cambiament ad tempe-ratura.

8) L'era imbariegh marz; tant pien 'd ven ch'jemma dovù mettrel in fresch pr'evitar che par la pres-sion a gh'saltiss via la testa cme 'n stopaj.

9) Al gh'ava na testa tanta grossa, che ogni tant, pr'arposeress il gambi, bisognava ch'l'andiss a la turca.

10) L'era tant timid e impressionabil ch'agh gneva mal soltant a veder un binari mort!

11) L'era 'na camra tanta fredda che anca la dintera ch'l'era int al cas-set dal sifon, la batteva i dent.

12) L'era 'na donna ch'a ciciarava tant a l'infuria che il paroli i gneven fora incavaladi!

13) L'era un can tant piccinen, che ogni volta ch'al fava: Bau! Baffi pr'al spostament d'aria, l'arculava cme n'gamber.

14) L'era na donna tanta grassa che quand l'incrosava i brass la pa-reva in palch!

15) L'era tant tiré che s'at ghe dman-dal; l'orari al te dzeva dez minud ad meno.

16) Al ghava na testa ad cavì tant fiss e ingarbuié che quand al peten al la vdeva al sarava la bocca.

17) L'era tant sporch, tant pien 'd rud che quand l'é andé dent'r int al bagn, al savon al s'è fat al sign d'la croza!

18) L'era 'n om tant piccen mo tant piccen che sa l's'metteva i'iocciaj al pareva in bicicleta!

19) Al ghava il gambi tanti curti che al sò sartor ín t'il braghi, al post dal caval l'ha dovù mettregh n' asen!

20) Al ghava al fià tant cativ ca ne s'resisteva gnanca a parleregh par telefono!