Archivio

pgn

Michela è la barista più votata

di Beatrice Minozzi

13 dicembre 2015, 19:23

Ha 27 anni, una voce allegra e squillante e un sorriso contagioso. Non ha dubbi Michela Begani - la bella e sorridente barista della Locanda dei Cavalieri di Palanzano - a farle vincere la corona di «reginetta delle bariste» è stata la sua simpatia, una dote fondamentale quando si lavora a contatto col pubblico. E in effetti il sorriso sulle labbra di Michela non manca mai, ed è sempre col sorriso che ammette: «Grazie davvero a tutti quelli che mi hanno votata, vincere è stata una sorpresa inaspettata». Sì, perché Michela si è conquistata il gradino più alto del podio della top 10 delle bariste delle Valli del Parma, del Cedra, dell’Enza e del Baganza con il 30 per cento delle migliaia di voti giunti sul sito www.gazzettadiparma.it. Seconda classificata, Martina Grassi, del Bar Cabonè di Monchio, terza Tania Tonelli, del Buddha Bar di Sala Baganza. «Adoro fare la barista - confessa Michela - anche se non è la mia occupazione principale ma un secondo lavoro che però mi ha insegnato molto, soprattutto a saper convivere con le persone, dai più giovani ai più anziani». E in effetti la clientela della Locanda dei Cavalieri - che oltre che bar è anche pizzeria e cucina tipica - è varia. «Durante la settimana sono per lo più pensionati, il weekend invece ci sono molti giovani, che per me più che clienti sono amici» spiega Michela, che parlando dei punti di forza del locale mette al primo posto «uno staff straordinario, composto dai proprietari, Jessica e Alessandro, alias «Panino», ma anche dal mitico Saverio e da Luisa». Michela si definisce un «jolly» per il locale dove lavora «a chiamata» da quasi 5 anni, «faccio quello che c’è da fare» spiega. Nella vita, però, Michela fa anche altro. Diplomata in ragioneria, Michela vive a Palanzano con la nonna, è impiegata all’Assistenza pubblica di Langhirano e nel tempo libero «vado in giro a divertirmi con i miei amici - spiega -. Adoro poi passare del tempo con mia sorella e la mia nipotina».