Archivio

POLESINE ZIBELLO

Elezioni, Censi presenta la squadra: «I nostri obiettivi»

Il programma: salvare i due municipi, potenziare i servizi, contenere le tasse

di Paolo Panni

03 aprile 2016, 23:33

Elezioni, Censi presenta la squadra: «I nostri obiettivi»

E' stata presentata la lista elettorale «Polesine Zibello, il domani è per tutti» guidata dal candidato sindaco Andrea Censi, 42enne architetto già sindaco di Polesine prima e di Zibello poi, ora in corsa per la fascia tricolore del nuovo Comune.

E’ stata una presentazione «itinerante», che ha toccato i vari centri del comune, partendo da quello più a ovest, Vidalenzo, per proseguire con Polesine, Ardola, Pieveottoville e Zibello. Insieme al candidato primo cittadino e al simbolo, sono stati presentati tutti i 12 candidati consiglieri: Emanuele Belloni, 35enne impiegato amministrativo; Sabrina Fedeli, 48enne collaboratrice sanitaria; Giuseppe Galli, 53enne tecnico elettricista; Orietta Gambazza, 55enne cuoca sperimentale; Alberto Gnappi, 64enne veterinario in pensione; Mario Marchiò, 60enne tecnico radiologo; Alessandro Nicoli, 26enne laureato in ingegneria informatica; Vanna Rivara, 56enne insegnante; Lino Spotti, 56enne, artigiano metalmeccanico; Mariarosa Tosi, 58enne infermiera professionale; Monica Vietta, 24enne stilista e Pio Zantedeschi, 70enne, medico condotto in pensione.

Si tratta di una lista civica, con appoggio ufficiale del Partito Democratico (come riferito dal segretrario provinciale del Pd Serpagli) e di diversi cittadini.

Censi è partito dalla fresca fusione dei due Comuni parlando di «grande traguardo raggiunto» e ha sottolineato come questo non debba che essere un «punto di partenza» e, all’insegna del motto «il domani per tutti è anche per te!».

Ha quindi presentato la lista parlando di «squadra rappresentativa di tutta la comunità. Un gruppo molto bello, con tante professionalità e persone di diverse età pronte a lavorare insieme per le tante opportunità che ci sono da cogliere. I risultati della mia attività amministrativa – ha proseguito – sono sotto gli occhi di tutti. Interpretando le difficoltà “del nostro tempo” mi sono prodigato, con la maggioranza dei cittadini, per dare vita a una nuova grande comunità attraverso l’unificazione dei due comuni».

Tra i benefici della nuova realtà ha indicato il contenimento della pressione fiscale e la possibilità di poter accedere a importanti contributi regionali e statali. Anticipando parte del programma, ha confermato l’istituzione dei municipi di Zibello e Polesine per mantenere i servizi ai cittadini in entrambe le sedi municipali; la creazione del nuovo polo scolastico per scuola primaria e secondaria di primo grado e della nuova casa della salute; l’ampliamento e il potenziamento di tutti gli strumenti e servizi per garantire una maggiore sicurezza dei cittadini; la costituzione di un ufficio per l’acquisizione di fondi europei, statali e regionali, il contenimento della pressione fiscale e l’istituzione di borse di studio oltre che di un fondo di garanzia per i giovani e la formazione professionale con incentivi e agevolazioni alle imprese.

E' in programma anche la costituzione della «Casa delle famiglie» e l’attivazione del «Progetto oratori», la realizzazione di infrastrutture in fibra ottica per l’abilitazione alla banda ultra larga; la nascita del «Convento delle Arti e delle lettere»; la riqualificazione e ampliamento degli impianti sportivi; il potenziamento dei servizi sociali in collaborazione con la Casa protetta Dagnini; la valorizzazione del Po, del suo ambiente e delle strutture dedicate; l’ideazione e promozione di eventi per lo sviluppo di un turismo diffuso; la riqualificazione generale dell’illuminazione pubblica con ottimizzazione dell’efficientamento energetico; la sostenibilità, la tutela e cura di tutto il patrimonio immobiliare e paesaggistico.