Archivio

iniziativa

Come revocare l'amministratore infedele

13 aprile 2016, 18:29

Bollette non pagate. Spese registrate due volte. Con palazzi che rimangono al freddo o senz'acqua e i condòmini costretti a sborsare di nuovo quanto avevano già versato. E' sempre in primo piano la questione dei condomini e delle indebite appropriazioni compiute da alcuni amministratori, che finiscono inevitabilmente, per mettere ingiustamente in cattiva luce l'intera categoria.
Puntano a fare chiarezza i due incontri, organizzati da Confedilizia e Coram (Coordinamento registro amministratori), in collaborazione con le associazione dei consumatori, che si terranno in città a partire da lunedì.
La situazione che sta emergendo in questi tempi in tutta la sua drammaticità, coinvolge tantissime famiglie e sta creando problemi economici tanto ingiusti quanto pesanti.
Il condòmino derubato, infatti, in attesa che la giustizia faccia il suo corso, è costretto a versare ciò che ha già pagato.
Ci sono pensionati che sono costretti a far fronte a rate mensili superiori alla pensione che percepiscono, giovani coppie che, avendo già contratto il mutuo, devono ricorrere ad ulteriori prestiti per far fronte ad un imprevisto oltraggioso. Occorre quindi che, senza cadere nell’eccesso, i condòmini entrino nell’ottica della verifica, intesa soprattutto come spirito di collaborazione con l’amministratore del condominio.
«Infatti - sostengono al Coram - un amministratore attento, preparato ed i condòmini puntuali e con buona conoscenza dei loro doveri, oltre che dei loro diritti, contribuiscono ad una serena convivenza. E’ sicuramente importante la scelta dell’amministratore ma non basta; gli episodi emersi di recente, hanno riguardato nominativi che operano da anni e che non si poteva immaginare arrivassero a tanto; occorre quindi essere costantemente aggiornati e informati, acquisire le nozioni essenziali per intuire anomalie. Occorre inoltre una preparazione completa: infatti al condòmino non basta pretendere, deve averne diritto; all’amministratore non basta “tenere i conti”, deve rispettare tempi e modi di legge, rispettando la trasparenza necessaria».
Per questo motivo, la Confedilizia ed il Coram, Coordinamento registro amministratori, in collaborazione con le associazioni consumatori, nell’ottica di far circolare la massima informazione su quali siano i mezzi che la legge offre per contrastare, ed auspicabilmente mettere fine, al malcostume della sottrazione di fondi da parte degli amministratori di condominio senza scrupoli che sta attualmente emergendo in misura allarmante, organizza incontri destinati soprattutto ai condomini amministrati; verranno affrontate ed esaminate sia misure preventive per evitare che i condòmini stessi si trovino in situazioni critiche sia quelle per far fronte a problematiche già sorte.
Gli incontri, che sono ad ingresso gratuito ed aperti a tutti, si svolgeranno all’Hotel de La Ville di Parma, lunedì 18 aprile dalle 15 alle 17 e giovedì 28 aprile stesso orario.
In particolare, il 18 aprile il tema sarà «Come contrastare l'amministratore infedele» con approfondimento delle disposizioni in materia e degli adempimenti fiscali. Il 28 aprile si parlerà di «Chi scelgo come amministratore» facendo il punto sul mansionario e i principi deontologici, gli adempimenti contributivi, le cautele da parte del condomino e l'illustrazione dei casi in cui si può chiedere la revoca ex lege dell'amministratore.r.c.