Archivio

traversetolo

Azzolini e Pedretti i due candidati del Psi in lista

03 maggio 2016, 18:10

Azzolini e Pedretti i due candidati del Psi in lista

Il Psi di Traversetolo ha espresso due candidati all'interno della lista di centrosinistra “Insieme per Traversetolo” guidata da Gabriella Ghirardini. «L’area Socialista di Traversetolo – si legge in una nota del Psi - ha ufficialmente deciso di essere parte costitutiva ed attiva di questa proposta elettorale, attraverso idee, proposte programmatiche ma soprattutto uomini e donne che si assumano la responsabilità di portarle avanti con capacità, responsabilità e competenza. Per questo sono stati individuate le candidature di Graziella Azzolini e di Domenico Pedretti». Graziella Azzolini, 62enne pensionata che si presenta come indipendente, è stata per lungo tempo Raa (Responsabile di nucleo delle Attività Assistenziali) della Azienda Pedemontana Sociale per il Comune di Traversetolo. «Il mantenimento dei buoni standard dei servizi sociali esistenti sul territorio è fondamentale - dice la Azzolini - e debbono essere sempre più pensati in termini moderni ed aderenti alle esigenze che cambiano, tenendo conto del fatto che una delle prime necessità nazionali è la riorganizzazione degli Enti Locali, che devono essere uno sprone e non un freno allo sviluppo del territorio». La Azzolini è stata per lungo tempo volontaria della Croce Azzurra, di è stata anche membro del Consiglio Direttivo. Domenico Pedretti (da non confondere con Gian Domenico Pedretti, che potrebbe presentare una lista alternativa a quella del centrosinistra ndr), ha 52 anni, è geometra e responsabile di produzione nel settore pet-food; il padre era comandante partigiano decorato medaglia d’argento al valor militare. Pedretti è vicepresidente del Circolo “La Fontana” di Bannone; è inserito in varie strutture di volontariato locali ed è fondatore nonché allenatore della prima esperienza di minirugby traversetolese.

Pedretti fa parte del Psi dalla fine degli anni ‘80: «Il mio obiettivo – dice Pedretti - è quello di cercare di essere utile insieme agli altri candidati, ciascuno con le proprie esperienze, alla comunità di Traversetolo ma soprattutto alla mia frazione di Bannone. Dopo più di 30 anni mi trovo a ripercorrere l’esperienza di mio padre che sostenne la lista della prima e finora unica donna sindaco di Traversetolo».