Archivio

montagna

«Pan e Formai» di corsa nell'Alta Val Stirone

Maratona ed escursione tra le bellezze delle montagne attorno a Pellegrino. Passeggiate e pranzo in compagnia: una domenica indimenticabile

04 giugno 2016, 20:09

Domenica torna il trail running con un percorso attraverso i tesori dell'alta Val Stirone. Si chiama «Pan e Formai» e porterà i suoi partecipanti alla scoperta dei tesori di Pellegrino Parmense. Due i percorsi, l'anello del monte Santa Cristina e quello del monte Canate. Ecco le descrizioni .

Anello monte Santa Cristina: 21 km, percorso comune alla mezza maratona trail e 1° anello maratona. Si parte dall’area delle Feste verso la pineta di Pellegrino, passaggio tramite single track dal campo sportivo e poi impegnava salita che finisce poco prima del Santuario di Careno (primo ristoro). A seguire. breve discesa ?no dentro il letto del Torrente Stirone. Si prosegue con una breve ma intensa salita, con successivo discesa ?no a Cà d’ Ruman, dove poco dopo si inizia in prossimità di un incrocio di strade (secondo ristoro) una impegnava salita fatta di diversi tratti a pendenze variabili da e?ettuare in single track (molto pesante il tratto in salita di Fontana Fredda) ?no alla vetta del Monte Santa Cristina. Da qui una ripidissima discesa - da percorrere con attenzione se il terreno è bagnato - che porta ai Lusignani di Sopra (terzo ristoro), da dove inizia una carraia misto single track ?no ad uno dei pochi tratti in asfalto che in ripida salita porta a Case Lazzaro. Si percorre inizialmente in salita e successivamente in discesa il ?anco del Monte Santa Cristina, ?no a sbucare sopra case d’Ruman, da dove, in tratti nel prato e in carraia e in alternanza discesa-salita, si ritorna verso Pellegrino, rientrando nel tratto già percorso in parte all’andata, dove a 5 Km circa dal traguardo (per la Mezza Maratona-?ne del primo giro per i maratone) si trova il quarto ristoro. Da qui ripida discesa verso lo Stirone e breve ma irta ultima salita (quinto ristoro) verso il Santuario di Careno, da dove, poco prima, inizia l’ultimo tratto completamente in discesa in breve tratto in asfalto, indi dentro una carraia che immette in adiacenza del Castello dentro la pineta. La ripida discesa fa da tratto ?nale verso il traguardo del Campo delle Feste. I Maratoneti transitano sotto il traguardo e iniziano il secondo anello di 21 Km., il quale presenta caratterische di minore altimetria rispetto al primo tratto e che li riporterà sul traguardo del Campo delle Feste e quindi al meritato pranzo dell’atleta.

Anello monte Canate: 21 km, è 2° anello maratona. Dopo aver concluso il 1° anello di 21 Km circa, passando in zona-arrivo accanto al Campo delle Feste, dove è anche situato il quarto ristoro, si riprende via Roma in centro a Pellegrino, in direzione ovest. Giunti in prossimità del Consorzio agrario, si gira a destra sulla strada Provinciale (via Europa) e dopo circa 200 metri si imbocca la strada vicinale ad uso pubblico in direzione La Pasqualina, che ben presto passa da asfalto a strada ghiaiata. Dopo circa 1 km, il percorso alterna in una serie di strade vicinali e sentieri percorrendo una zona boscosa, senza particolari dislivelli almetrici. Successivamente, giunto nei pressi di Cà Borella, il percorso sale deciso verso Pian Porcile e Villa Boschini. Si prosegue per Villa Sanni (ristoro) e da qui si sale sulle pendici del Monte Canate con un sentiero impegnavo. Dopo avere raggiunto quota 853 (La Croce), proprio in prossimità delle antenne ed i ripetori visibili da gran parte della pianura parmense e piacentina, si scende per single track e carraia ?no a quota 592 metri in località Piani Cagnone; indi a Cà D’Arcangelo over sarà posizionato il ristoro ed il relavo punto di controllo. Con un breve tratto asfaltato si transita per Varone, per poi risalire verso località Montanari e in leggera salita si scollina verso la località Case Pittori. Dopo un tratto in sali e scendi si toccano le località Il Palazzo, Corte Varone, Casa Pincoleno e quindi si raggiunge nuovamente
località Pasqualina. Ripercorrendo a ritroso il primo tratto del secondo anello, si torna a Pellegrino percorrendo per 200 metri la Provinciale, si svolta a sinistra in via Roma e in prossimità della pizzeria «la Vecchia Caserma» si raggiunge l’ambito traguardo del campo delle Feste.

Escursione con guidaViene organizzata, a latere della gara agonisca, con l'ausilio di una guida ambientale, una passeggiata naturalisca di circa 10 km che porterà i partecipanti da Pellegrino Parmense alle frazioni di Besozzola. Ai ?ni della copertura assicurava è obbligatoria l’iscrizione alla escursione prima della partenza. Le iscrizioni si ricevono la mattina del 5 giugno al campo delle feste. Si parte alle 9.15 dal Campo delle feste, con rientro previsto alle 13.