Archivio

TURCHIA

2016, una lunga scia di sangue

29 giugno 2016, 01:07

Una lunga scia di sangue che in Turchia sembra non fermarsi più. Negli ultimi mesi, il Paese è stato colpito da una serie di attentati: solo dall’inizio del 2016 sono 6 (7 con quello di stasera all’aeroporto di Istanbul) con decine di vittime. Eccone l’elenco.
* 7 giugno - 11 morti e 36 feriti in un bus della polizia antisommossa sventrato dall’esplosione di un ordigno piazzato in un’auto e fatto esplodere a distanza.
* 27 aprile - Una donna si fa saltare in aria a Bursa, quarta città del Paese, vicino alla Grande Moschea e a un bazar. Probabile un’esplosione anticipata: muore solo la kamikaze, 13 i feriti.
* 19 marzo - kamikaze fa strage tra i turisti a Istanbul: almeno 6 morti (tra cui tre israeliani, un iraniano e due americani) e 24 feriti a due passi da un grande centro commerciale.
* 13 marzo - 37 morti e decine di feriti nell’esplosione di un’autobomba nel centro di Ankara. Attacco con 2 kamikaze, rivendicato dagli estremisti curdi del Tak e attribuito dal governo al Pkk.
* 17 febbraio - 29 vittime per un’altra autobomba esplosa ad Ankara vicino a un complesso militare. Rivendica il Tak, per le autorità Pkk e curdi siriani del Pyd hanno agito in collaborazione.
* 12 gennaio - Un kamikaze a Sultanahmet, nel centro storico di Istanbul, uccide 12 turisti tedeschi. 16 i feriti. L’attacco viene attribuito ai terroristi dello Stato Islamico.