Archivio

BLACK OUT

Due notti al buio al parco Newton

07 luglio 2016, 23:34

Due notti al buio al parco Newton

Per due notti, lunedì e martedì, il parco di via Newton e le strade vicine (come via Cassio Parmense, via Lisoni, via Malaspina, via Cacciani e via Boudard) sono rimasti al buio per un black out che ha interessato la sola illuminazione pubblica. Sono rimaste invece regolarmente illuminate sia via Casa Bianca che piazzale Lubiana.

Le tenebre sono calate alle 22 di lunedì. All'origine del problema, due lampioni malfunzionanti situati nel parco, che hanno «spento» tutta la rete della zona. È stato necessario verificare uno ad uno i punti luce dipendenti dallo stesso quadro che alimenta i due lampioni andati in tilt per capire dove fosse il problema.

Un intervento lungo, che ha coinvolto due squadre (cinque fra tecnici e operai) e che è durato anche martedì sera. Solo ieri mattina il guasto è stato individuato e riparato e i lampioni della zona sono rimasti accesi per alcune ore per verificare che non intervenissero altri black out.

Tante le telefonate dei cittadini alla Gazzetta e alla «CMC elettronica» di Carpineti, l'azienda che fino al 30 giugno aveva l'appalto sull'illuminazione pubblica comunale, passato da inizio luglio al Consorzio Citea di Parma.

Un passaggio di testimone che, in questo frangente, ha un po' disorientato i cittadini. Al numero verde della CMC (rimasto immutato, per agevolare gli utenti, grazie ad un accordo con il nuovo gestore del servizio) rispondevano infatti chiarendo che l'azienda non si occupava più dell'illuminazione pubblica di Parma, ma che avrebbero passato la segnalazione alla nuova ditta incaricata, senza specificare quale fosse.

Il Consorzio Citea, in via Sella, a Parma, si è aggiudicato il servizio di manutenzione delle luci pubbliche per un mese, fino al 31 luglio. Un incarico breve, in vista del risultato della gara d'appalto da 38 milioni di euro annunciata a fine 2015 dall'assessore Miche Alinovi: in ballo c'è la riconversione a led dell'illuminazione cittadina, con un investimento a carico del concessionario di 17 milioni.

Gli interventi, ha spiegato l'assessore a Lavori pubblici ed Energia, verranno finanziati interamente dalla società che si aggiudicherà l’appalto. Il Comune non impegnerà nuove risorse economiche, beneficiando di un risparmio in bolletta di un milione di euro per i successivi diciotto anni. m.t.