Archivio

SISSA

Niente più secche al porto fluviale di Torricella

Grazie a un finanziamento di 142 mila euro verranno eseguiti i lavori di dragaggio

di Cristian Calestani

31 luglio 2016, 19:10

Niente più secche al porto fluviale di Torricella

Ora è ufficiale. Sono stati stanziati i 142mila euro che permetteranno di compiere importanti lavori di dragaggio al porto turistico fluviale di Torricella di Sissa Trecasali.

L’annuncio arriva dal consigliere regionale Pd Massimo Iotti: «Con il parere favorevole della maggioranza Pd – riporta una nota dello stesso Iotti - la terza commissione regionale Territorio Ambiente ha approvato il finanziamento di 142.618 euro. Le opere previste riguardano lo scavo dei fondali per la risagomatura della sezione d’alveo di fiume con la complessiva riprofilatura della lanca per la navigazione».

Nel dettaglio i fondi arrivano per 90mila euro dalla Regione, per 32mila dal Comune di Sissa Trecasali e per 20mila dall’associazione Nautica di Torricella.

Le difficoltà di fruizione del porto sono sotto gli occhi di tutti, specie in questi giorni di magra del Po con le barche che, a causa della poca acqua, sono «ormeggiate» tra la terra, ma l’intervento di dragaggio in programma in autunno permetterà di migliorare notevolmente la situazione.

«Nel corso della Commissione – ha aggiunto Iotti – l’assessore regionale al turismo Andrea Corsini ha inoltre annunciato la disponibilità di ulteriori risorse per 350.000 euro per il 2016, mentre per il 2017 è previsto un piano organico di investimenti sui porti con risorse ancora più ingenti, non solo per il dragaggio, ma anche per le attrezzature fisse di impianto. Si tratta anche di un bel risultato per l’amministrazione comunale - conclude Iotti - che premia il lavoro congiunto portato avanti in Regione».

E proprio il sindaco di Sissa Trecasali Nicola Bernardi ha aggiunto: «La volontà della Regione di investire sul porto fluviale è una buona notizia. Potremo finalmente risolvere un problema che ultimamente si è notevolmente aggravato. Rilevante è la volontà della Regione di programmare un piano organico per i prossimi anni. Questo ci permetterà di presentare ulteriori progetti da condividere con i soggetti interessati, in primis la Nautica di Torricella».