Archivio

langhirano

Atti persecutori contro il sindaco: arrestato 60enne

08 agosto 2016, 18:01

Atti persecutori contro il sindaco: arrestato 60enne

La presenza costante sotto i portici del Municipio di Langhirano, i volantini distribuiti e appesi. Giorno dopo giorno, mese dopo mese dal settembre 2014. Nel mirino il sindaco Giordano Bricoli, assessori, assistenti sociali, in una vicenda che parte da uno sfratto e che è continuata con presidio costante all'ingresso del municipio, paese tappezzato di manifesti per chiedere un lavoro e una casa, con il Comune accusato di disinteresse verso i suoi problemi, costringendolo a dormire in macchina. Accuse rispedite al mittente dal Comune, per il quale Repole non ha mai fatto i passi necessari per trovare una soluzione.
Così è iniziata la battaglia a colpi di cartelli e accuse. E - da quanto hanno appurato le forze dell'ordine - atti persecutori verso il primo cittadino di Langhirano.

Proprio il sindaco Bricoli alcune settimane fa ha sporto querela. Un reato per cui l'uomo, Cosimo Repole, 60 anni, è stato arrestato lunedì mattina.

Ora il 60enne è in attesa dell'udienza di convalida del fermo.