Archivio

PISA

Istigò a jihad su Fb: riesame, torni in cella

Giudici accolgono ricorso pm, era a domiciliari con braccialetto

08 agosto 2016, 18:20

(ANSA) - PISA, 8 AGO - Il tribunale del riesame di Firenze ha accolto il ricorso della procura contro la concessione degli arresti domiciliari a Jalal El Hanaoui, il marocchino di 26 anni residente a Ponsacco (Pisa) e da mesi sotto processo davanti alla corte d'assise pisana con l'accusa di avere istigato alla jihad attraverso Facebook, e ne ha disposto nuovamente il trasferimento in carcere. Lo straniero, che si è sempre proclamato innocente e ha pubblicamente espresso più volte dichiarazioni di condanna per gli attacchi dell'Isis, era appena tornato a casa dopo avere atteso per settimane un braccialetto elettronico che permettesse di dare attuazione alla decisione della corte di assise di concedergli i domiciliari e alla quale si era opposto il pm, Angela Pietroiusti. "Le decisioni dei giudici - affermano, 'sconcertati' i difensori di El Hanaoui, gli avvocati Tiziana Manocci e Marco Meoli - si rispettano anche quando non si condividono. Certo è che non potremo esimerci dal ricorrere per Cassazione".

© RIPRODUZIONE RISERVATA