Archivio

TRAVERSETOLO

Esclusi dalla mostra-mercato. La protesta degli ambulanti

L'appello al sindaco: «Sarebbe meglio decidere ascoltando tutti»

di Bianca Maria Sarti

09 agosto 2016, 21:59

Esclusi dalla mostra-mercato. La protesta degli ambulanti

Stoccata al sindaco Simone Dall’Orto da parte degli ambulanti del mercato di Traversetolo, esclusi dalla grande mostra-mercato dedicata al pomodoro riccio prevista domenica prossima. Qualche malumore era già trapelato nei giorni scorsi, senza però arrivare ad alcuna iniziativa ufficiale.

Invece ieri mattina al centro del mercato un gruppo di ambulanti ha esposto un cartello in cui ci si rivolgeva ai visitatori e clienti.

«Il mercato di domenica 14 è sospeso – recita il cartello –, questo è dipeso dalla volontà della Amministrazione comunale, che ha deciso di svolgere altra attività. Noi operatori del settore, complice anche una avversa congiuntura economica, confidiamo nella sensibilità del sindaco e della giunta tutta affinché eventuali iniziative future possano essere concertate insieme. Ci ritroveremo tutti il 21 agosto come sempre».

Da parte sua il sindaco ribadisce le ragioni alla base della decisione. «Ho parlato con gli ambulanti - dice il sindaco di Traversetolo - e alcuni di loro hanno capito l’importanza della manifestazione e il poco tempo a disposizione: c’era un’occasione da cogliere per collaborare con gli organizzatori del Rural Festival e la brevità dei tempi non ha consentito di studiare soluzioni diverse. Inoltre, tengo a ribadire che la sospensione serve per dare spazio non a un altro mercato simile, ma a un evento alternativo che potrebbe gettare le basi per creare all’interno del mercato domenicale un’integrazione tra la parte commerciale tradizionale e il mondo agricolo, puntando soprattutto su biodiversità e produttori locali. È nostro obiettivo, infatti, rilanciare il settore agricolo per il quale da una decina d’anni ormai non si fa più nulla».

Dall’Orto si impegna a coinvolgere gli ambulanti in futuro. «Da settembre - spiega i sindaco - vogliamo creare un dialogo costruttivo con gli operatori per rimettere mano al mercato. In futuro cercheremo di conciliare gli eventi con il mercato domenicale».