Archivio

COLLECCHIO

Il 2017 sarà l'anno buono per riqualificare via Spezia

Lo ha detto il presidente dell'Anas in una lettera all'onorevole Romanini

11 agosto 2016, 00:17

Il 2017 sarà l'anno buono per riqualificare via Spezia

Il 2017 potrebbe essere l’anno buono per l’appalto di Anas relativo alla riqualificazione di via Spezia nel tratto tra Collecchio e Parma, a dirlo è il presidente di Anas Spa, ingegner Gianni Vittorio Armani, in una nota in risposta ad una missiva dell’onorevole Giuseppe Romanini, in cui l’ex sindaco di Collecchio chiede aggiornamenti in merito all’intervento di ammodernamento inserito nel piano pluriennale Anas. «La strada, come noto, tra le più trafficate della Provincia di Parma - spiega l’onorevole Romanini - necessita da tempo di una adeguamento anche in considerazione delle difformità geometriche e funzionali che la stessa assume in corrispondenza dai centri urbani attraversati». E dal momento che l’intervento, per un importo di 13 milioni e 400 mila euro era già inserito «con una previsione di appaltabilità nel 2016 nel piano pluriennale Anas», l’onorevole del Pd ha scritto al presidente Anas per «sollecitare un interessamento affinché l’intervento tanto atteso e necessario possa avere seguito nei tempi previsti». Non si è fatta attender al risposta dell’ingegner Gianni Vittorio Armani che ha fornito alcuni aggiornamenti in merito al progetto di ammodernamento della statale della Cisa. «L’intervento, dell’importo di 13,4 milioni di euro - ha confermato il presidente Anas –, è inserito nella bozza di piano pluriennale 2016-2020, con proposta di finanziamento su Fondo Unico e appaltabilità prevista per il 2017». Una buona notizia, quindi, per tutti coloro che quotidianamente percorrono la statale. Armani, poi, aggiunge alcune precisazioni in tema di progettazione. «Il progetto preliminare, redatto a cura e spese della Provincia di Parma - sottolinea - è stato sottoposto a verifica di assoggettabilità a Via (Valutazione di impatto ambientale) di competenza regionale, conclusasi con l’esclusione della procedura di Valutazione di impatto ambientale. Al fine di rispettare la previsione di appaltabilità, quindi, sono state avviate le successive fasi progettuali». La statale della Cisa tra Collecchio e Parma necessita di diversi interventi con l’obiettivo di renderla meglio percorribile e più sicura a partire dal rifacimento del fondo stradale che si presenta compromesso in diversi punto sopratutto davanti alla Casa Cantoniera in prossimità della rotatoria della tangenziale di Collecchio e in località Maretto. Oltre a questo, per fare in modo che i bus non intralcino il traffico, sarebbero necessarie varie piazzole di sosta. Per rendere più scorrevole il traffico, poi, sarebbero necessarie diverse rotatoria in corrispondenza di incroci pericolosi a partire da quello tra la statale e la provinciale per Sala Baganza, ma anche all’incrocio di Pontelupo, all’incrocio con via Costa a Lemignano e con strada Lemignano stessa. Manca inoltre una pista ciclabile che colleghi Collecchio con Parma, la statale è molto pericolosa per chi la percorre in bici, soprattutto nelle ore notturne. Il progetto di riqualificazione dovrebbe migliorare di molto la situazione attuale.