Archivio

PROTESTA

Il postino suona quattro giorni dopo

13 agosto 2016, 01:55

Il postino suona quattro giorni dopo

«E' uno scandalo, anche ieri non sono arrivati i quotidiani». E' un parmigiano esasperato che parla. E che poi, nero su bianco, sfoga la sua rabbia anche in una lettera: perché da abbonato alla «Gazzetta» e al «Giornale» non sopporta il fatto che il postino consegni il giornale con quattro giorni di ritardo: «Ho incontrato un portalettere - continua il nostro lettore - e mi ha detto che la loro direzione non effettua sostituzioni di personale assente. Sono quasi le 14 e anche oggi non c'è sentore di posta. Sono solo io il disgraziato o ci sono in città altri nella mia situazione?».

Un lettera inviata al direttore provinciale delle Poste italiane e alle redazioni della «Gazzetta di Parma» e del «Giornale» di Milano: «Giovedì 4 agosto non mi sono stati consegnati i due quotidiani a cui sono abbonato - è scritto nella lettera -. Non è certo una novità; è l'ennesima volta che succede, senza che qualcuno si vergogni di questa situazione. L'ultima presa per i fondelli, signor direttore, è che la Gazzetta di quel giorno mi è stata consegnata sabato 6 agosto. Il Giornale, invece, mi è stato consegnato ieri, lunedì 8 agosto, con quattro giorni di ritardo. Non mi è stato consegnato, però, il Giornale di ieri 8 agosto: in quale discarica è stato buttato? Non vengono derubati soltanto gli editori, ma anche i cittadini lettori». Insomma, una situazione che il nostro lettore, come tanti altri, fa fatica a digerire e che richiede un soluzione: «Si ribelli, signor direttore delle Poste - conclude nella lettera -, alle disposizioni liberticide dei suoi superiori: vedrà che dormirà meglio».