Archivio

isis

Tecnici rapiti, i libici: "Riscatto di 13 milioni". L'Italia smentisce

14 agosto 2016, 13:24

Tredici milioni di riscatto, finiti in parte agli scafisti locali e in parte ai jihadisti dell'Isis. E' quello che sostengono i servizi segreti di Tripoli sul caso dei tecnici della Bonatti rapiti in Libia un anno fa: due - Gino Pollicardo e Filippo Calcagno - furono liberati, altri due - Salvatore Failla e Fausto Piano - furono invece uccisi. Lo riporta il Corriere della Sera, raccogliendo la voce del malcontento degli 007 di Tripoli nei confronti dei "colleghi" italiani, accusati di non dar loro fiducia e di non fare gioco di squadra per sconfiggere un nemico comune, quello dell'Isis. L'Italia ha sempre negato il pagamento di un riscatto.