Archivio

Zeri

Uccide la moglie e il cane, poi 89enne si toglie la vita

14 agosto 2016, 15:41

Prima di uccidere l'anziana moglie, ha ammazzato con la pistola anche il loro cane, poi si è tolto la vita con la stessa arma. E’ quanto hanno ricostruito i carabinieri di Zeri e Pontremoli (Massa Carrara) che si occupano delle indagini sulla coppia di coniugi, 89 anni lui, 88 lei, trovata priva di vita ieri nella villetta dove viveva in Alta Lunigiana, a Foce di Rossano, frazione del comune di Zeri, in una zona di montagna dove le case sono rare. Un omicidio-suicidio messo in pratica utilizzando una pistola calibro 38, regolarmente detenuta dal figlio cinquantenne della coppia, che abitava con la moglie nello stessa villetta: i due erano però assenti quando è avvenuta la tragedia. E’ stato lo stesso figlio, rientrato nel tardo pomeriggio di ieri, a scoprire i cadaveri e a dare l’allarme.
Inspiegabili al momento le ragioni che avrebbero spinto l'89enne a compiere l’omicidio-suicidio: non risulterebbero, stando alle informazioni raccolte dai militari, motivi di salute - sentito anche il medico di famiglia - o economici.
Da quanto ricostruito, in base anche al racconto di una persona che abita non lontano dalla villetta, tutto sarebbe avvenuto probabilmente intorno alle 15.30: a quell'orario il vicino avrebbe sentito un colpo e ha pensato si trattasse di cacciatori. Poi circa tre ore più tardi il figlio della coppia è rientrato. Prima avrebbe trovato il cane morto fuori dalla villetta poi ha scoperto in casa i corpi del padre e della madre, quest’ultima ferita alla nuca, l’anziano genitore invece alla fronte. Tre in tutti i colpi che sarebbero stati sparati. Le salme dei due anziani sono state trasferite all’obitorio di Pontremoli in attesa delle disposizioni della procura di Massa in merito all’autopsia. (ANSA).