Archivio

24 ore mondo

I bombardieri russi partono dall'Iran per colpire la Siria

Aleppo: altri civili morti mentre Mosca annuncia un accordo con Washington

16 agosto 2016, 21:12

I bombardieri russi partono dall'Iran per colpire la Siria

La Russia schiera in Iran aerei militari per i raid sulla Siria. Bombardieri Tu-22M3 e Su-34 decollano dall'aerodromo Hamadan, annuncia il ministero della Difesa. Da Mosca anche la notizia di un imminente accordo con gli Usa per liberare Aleppo dall'Isis, ma Washington frena. Almeno 20 civili, tra cui 3 bambini, sono stati uccisi in raid aerei su Aleppo, secondo l’Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria. Hanno provocato 11 morti e 20 feriti i bombardamenti di ieri sull'ospedale di Msf nello Yemen. Il predicatore radicale di Londra Anjem Choudary è stato condannato dalla Old Bailey per la sua attività di sostegno all’Isis: avrebbe spinto centinaia di cittadini del Regno Unito ad unirsi allo Stato islamico.

MANOVRA, SI PUNTA SULLA FLESSIBILITA' UE. NODO REFERENDUM

Punta sulla flessibilità concessa dall’Ue la manovra di finanza pubblica per il 2017. L’intesa non c'è ancora e, da Bruxelles, non commentano la frenata del pil italiano, ma l’obiettivo del governo è ottenere un significativo aumento del rapporto deficit-pil. Si scalda, intanto, la vertenza per i rinnovi dei contratti della Pa. "Servono 7 miliardi per 3 anni", secondo i sindacati, per i quali ogni lavoratore pubblico ha perso dal 2008 circa 2.500 euro lordi l’anno, pari a 220-230 euro al mese.

SALVINI CON LA MAGLIA DELLA POLIZIA, SINDACATI ALL'ATTACCO

Matteo Salvini punta allo sfratto di Renzi nella mobilitazione leghista del 12 novembre, attacca Parisi per la leadership del centrodestra e promette "mano libera alle forze dell’ordine per ripulire l’Italia dai clandestini". Ma, sul palco del comizio di Ferragosto a Pontedilegno, sfoggia una maglia della Polizia di Stato e provoca la reazione dei sindacati degli agenti: "Giù le mani dalle forse dell’ordine, è stato un atto gravissimo". "Fatemi capire - replica Salvini - chiedere regole, ordine e rispetto sarebbe delirante? Chiedere che clandestini e centri a-sociali non sfascino tutto è delirante? Questione di scelte: lui sta con Renzi e Alfano, io sto con chi ci difende!"

SORRIDE L’ITALIA DI RIO, MEDAGLIERE DA RECORD

Sorride l’Italia dei Giochi di Rio. Ventitre medaglie (8 d’oro, 9 d’argento e 6 di bronzo) sono un bottino da record che ha portato gli azzurri per una notte al quinto posto del medagliere. Il giorno dopo tengono ancora banco le lacrime di Elia Viviani, oro nell’omnium, e le parole di Rachele Bruni, argento nella 10 chilometri del nuoto di fondo dedicato alla sua compagna Diletta: "Il nostro amore contro i pregiudizi". Undicesima giornata, però, senza medaglie: sesto e settimo gli azzurri Ruffini e Vanelli nella 10 chilometri di nuoto, ottavo Tacchini nella finale della C1 1000 metri della canoa kayak.

SCONTRO FRONTALE TRA TRAM A TRIESTE, OTTO FERITI

Otto persone sono rimaste ferite nello scontro frontale tra due tram a Trieste. L’incidente sulla linea per Opicina: un simbolo della città asburgica, inaugurata nel 1902, l’unica in Europa ad avere un tratto di circa un chilometro con una pendenza del 26%. A rendere meno gravi gli effetti dello scontro proprio il percorso impervio. I tram viaggiano infatti a velocità molto bassa. I feriti, tra i quali i due autisti, non sono gravi. L'azienda Trieste Trasporti ha aperto un’inchiesta interna "per accertare cosa non abbia funzionato nel sistema di controllo".

BIMBO DI UN ANNO E MEZZO SBRANATO DAI CANI NEL CATANESE

Un bimbo di un anno e mezzo è morto sbranato da due cani (doghi argentini) a Mascalucia, nel Catanese. Ferita la madre che ha cercato di fargli scudo con il proprio corpo dopo essere stata richiamata dalle grida di una vicina. La donna, 34 anni, è indagata per omicidio colposo perché gli inquirenti hanno accertato che il bimbo giocava da solo in giardino al momento dell’aggressione. Il Procuratore di Catania Zuccaro ha detto che si tratta di "un atto dovuto" per procedere all'autopsia.

ADDIO A HAVELANGE, VECCHIO LEONE DEL CALCIO TRA LUCI E OMBRE

E' morto l’ex presidente della Fifa Joao Havelange. A maggio aveva compiuto 100 anni. Era ricoverato da luglio, per problemi respiratori, nell’ospedale Samaritano a Botafogo, sud di Rio. E' stato un personaggio simbolo dello sport mondiale. Uomo molto potente, per decenni re indiscusso, anzi padrone assoluto della Fifa, la federcalcio mondiale, che contribuì a riformare. Era stimato e temuto, ma anche avversato per i suoi metodi spicci e per i sospetti su attività non sempre trasparenti nella gestione di operazioni finanziarie agli albori del calcio business.

LUGLIO IL MESE PIU' CALDO DELLA STORIA, 2016 SARA' DA RECORD

Il luglio appena trascorso è stato il mese più caldo della storia. Almeno dal 1880, quando sono iniziate le registrazioni della temperatura sul pianeta. Stando alla Nasa, il mese scorso la superficie terrestre ha fatto segnare 0,84 gradi centigradi in più rispetto alla media, strappando il record al luglio 2011 che si era fermato a più 0,74 gradi. E’ quasi certo che il 2016 stabilirà un nuovo record annuale sul termometro dopo quelli del 2014 e 2015.