Archivio

Rio 2016

Pallanuoto: la Serbia affonda l'Italia (10-8)

Partenza bruciante degli slavi. Il Settebello non è mai stato in partita

19 agosto 2016, 00:38

Pallanuoto: la Serbia affonda l'Italia (10-8)

La Nazionale maschile di pallanuoto si ferma in semifinale ai Giochi Olimpici di Rio de Janeiro. Gli azzurri del ct Sandro Campagna, reduci dal successo nei quarti con la Grecia, si sono arresi per 10-8 (3-0, 3-2, 1-0, 3-6) alla Serbia, grande favorita per l’oro a cinque cerchi.

L'avvio degli azzurri è di quelli traumatici: 3-0 per la squadra di Savic al termine del primo tempo grazie alle marcature di Prlainovic, Nikic e Puetlovic. Non che le cose vadano meglio nel secondo parziale, perché i serbi, campioni del mondo e d’Europa, volano sul 6-0 con Filipovic, Mitrovic e Prlainovic. L’Italia si sblocca solo a 1'52 dall'intervallo lungo con Gallo, poi Velotto manda le sfida al riposto sul 6-2 per i serbi. Campagna mette dentro Del Lungo per Tempesti in porta, Nikic sigla il 7-2.

L'ultimo round inizia con il 7-3 di Presciutti e la replica di Filipovic e di Jaksoc (9-3). Velotto firma la doppietta del 9-4, Figlioli accorcia ancora le distanze (9-5), Mandic porta i suoi in doppia cifra (10-5). Ancora Presciutti per 10-6 per la Serbia, che difende con meno aggressività ma non rinuncia al gioco. Gallo insacca il -3 (10-7) e poi il -2 (10-8) che chiude una sfida mai in bilico nonostante lo score conclusivo.

Tempesti e compagni sfideranno sabato, alle ore 13 locali (le 18 in Italia), nella finale per il terzo che assegna il bronzo, il Montenegro, sconfitto nella prima semifinale, anch'essa remake del penultimo atto delle Olimpiadi, dai campioni in carica della Croazia per per 12-8 (4-3, 3-2, 1-1, 4-2). Il Settebello ha già battuto il Montenegro nella fase a gironi (6-5).