Archivio

carabinieri

Lite tra vicini finisce in guerriglia urbana in centro a Correggio

20 agosto 2016, 13:54

Lite tra vicini finisce in guerriglia urbana in centro a Correggio

Una quindicina di persone coinvolte, 5 feriti – di cui due con importanti fratture -, 5 persone arrestate con l’accusa di concorso in rissa aggravata e almeno una decina attivamente ricercate dai carabinieri della Stazione di Correggio, in quanto coinvolte nella zuffa. Questo, a grandi linee, il primo bilancio della maxi rissa che si è scatenata, ieri sera in via Timolini di Correggio all’esterno di un locale pubblico, sino all’arrivo dei carabinieri di Correggio che ha messo in fuga tutti i partecipanti alla rissa, evitando ulteriori gravi conseguenze (uno dei partecipanti ha cercato di impossessarsi di una bottiglia dal bar per colpire gli antagonisti). Protagonisti una quindicina di stranieri (pakistani in prevalenza) che se le stavano dando di santa ragione fino al deciso intervento dei carabinieri correggesi che hanno riportato la situazione alla calma riuscendo, nella prima fase delle indagini nonostante i fuggifuggi generale, a identificare e arrestare 5 partecipanti. I motivi di questi momenti di autentica guerriglia urbana? Sono ancora all’esatto vaglio dei carabinieri, anche se, stando ai primi accertamenti, potrebbero essere ricondotti a una sorta di regolamento di conti conseguenti a una lite tra vicini di casa, avvenuta poco prima di ferragosto, a seguito della quale un cittadino pakistano (oggi arrestato) aveva riportato una lieve ferita alla mano. In manette sono finiti i cittadini pakistani Aitf Muhammad 31enne, Mehmood Wasif 38enne, Nazim Rasheed 21enne, Ali Adnan 27enne e Ahmad Waqas 35enne, tutti residenti a Correggio (RE) ristretti al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana titolare dell’inchiesta. utti hanno riportato lesioni giudicate guaribili tra i 15 giorni per i più gravi (uno con fratture delle ossa nasali) e 5 giorni. Secondo la prima ricostruzione operata dai carabinieri, l’antefatto che ha scatenato la rissa, sarebbe da ricondurre a rapporti di cattivo vicinato che la sera del 13 febbraio aveva visto gli odierni coinvolti venire alle mani. Una lite che ha probabilmente lasciato degli strascichi culminati con l’odierna maxi rissa che ha visto il coinvolgimento di una quindicina di persone tra cui i sunnominati arrestati che se le sono date di santa ragione davanti a un bar sotto gli occhi impauriti di numerosi cittadini tra cui alcuni bambini. Scena da far west che hanno visto l’immediato intervento dei carabinieri riusciti a riportare la situazione alla calma ed assicurare alla giustizia, nella prima fase delle indagini, 5 dei partecipanti. E mentre i 5 fermati venivano arrestati con l’accusa di rissa aggravata i carabinieri di Correggio proseguono le indagini per identificare tutti i partecipanti alla rissa. I militari correggesi durante l’intervento hanno anche recuperato e sequestrato una bottiglia di birra vuota prelevata da uno dei partecipanti dall’interno del bar con l’intento di colpire gli antagonisti. Intenti non andati a buon fine grazie anche ai clienti dell’esercizio che riuscivano a far desistere l’uomo.