Archivio

Montecchio

Rapina e ricatta un 15enne: arrestato

23 agosto 2016, 10:16

Rapina e ricatta un 15enne: arrestato

Uno straniero di 38 anni è stato arrestato dai carabinieri con l'accusa di rapina ed estorsione ai danni di un quindicenne, mentre altri quattro minorenni, ritenuti complici dell'uomo, sono stati a loro volta denunciati per concorso in rapina ed estorsione.

La vicenda si è sviluppata un paio di sere fa. Lo straniero, in compagnia di cinque minori, si trovava nel parco del castello. Dopo avere rotto una bottiglia di birra, l'ha brandita di fronte al volto di uno dei giovani per costringerlo a consegnare portafoglio, cellulare e orologio, per poi allontanarsi con gli altri quattro minori. Questi ultimi, dopo avere acquistato alcune bottiglie di birra sono però tornati dalla vittima per dirgli che lo straniero avrebbe restituito quanto sottratto, solo se avesse accettato di bere almeno mezza bottiglia di birra. Acconsentendo alla richiesta il 15enne è tornato in possesso dei suoi averi e a quel punto il gruppo si è spostato nel parco Enza dove il 38enne dapprima ha preteso che il 15enne gli offrisse da bere, per poi strappargli il cellulare e allontanarsi con la richiesta di 40 euro per la restituzione. Di fronte alle rimostranze del ragazzino, ha impugnato un grosso sasso e ha minacciato di spaccargli la testa se non si fosse allontanato.

Informati di quanto accaduto, i genitori del minore si sono rivolti ai carabinieri della stazione del paese, che hanno intercettato lo straniero nel parco della Rocca dove aveva appuntamento con il minore per restituirgli il cellulare in cambio dei 40 euro. Alla vista dei militari, l'uomo si è dato alla fuga ma, raggiunto, è stato arrestato con l'accusa di rapina ed estorsione. Nei guai anche i quattro amici denunciati per concorso nel reato.

L'arrestato è una vecchia conoscenza dei carabinieri di Montecchio Emilia: da tempo era sottoposto a foglio di via obbligatorio dal comune di Montecchio Emilia per tre anni e denunciato una decina di volte proprio per inottemperanza a tale provvedimento. Foglio di via che gli era stato comminato in quanto era solito raggiungere le aree di parcheggio dei supermercati e dell'ospedale dove in modo molesto e talvolta minaccioso pretendeva l'elemosina dai cittadini. Ora la nuova violazione - questa volta per compiere dei gravi reati ai danni di minori - e il conseguente arresto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA