Archivio

asili e lavori

Locomotiva e Zucchero Filato, prima campanella con disagi. E proteste

31 agosto 2016, 13:55

Locomotiva e Zucchero Filato, prima campanella con disagi. E proteste

Una settimana fa, dalle parole della vicesindaca con delega alla Scuola Nicoletta Paci, sembrava tutto fatto: una tranquilla prima campanella negli asili di Parma. Invece non sarà esattamente così, e i genitori lo stanno scoprendo a sorpresa, a 24 ore dall'inizio del nuovo anno scolastico. 

I disagi maggiori ci saranno per chi frequenta la scuola materna La Locomotiva, in via Malvisi: gli insegnanti e i circa 50 bambini traslocheranno per almeno una settimana alla scuola Abracadabra (via Stirone, circa 3 km di distanza da via Malvisi) in attesa del completamento dei lavori di adeguamento interni alla struttura. E gli inserimenti dei nuovi bambini - come spiegano anche dal Comitato Per fare un bambino ci vuole un asilo - slitteranno e si protrarranno indicativamente fino a metà ottobre. E intanto i genitori coinvolti protestano per le comunicazioni poco tempestive ricevute al riguardo.

In questi primi giorni di scuola e di previsioni di bel tempo, il nido Zucchero filato avrà invece il giardino ancora inagibile. Un'accelerazione ai lavori ha permesso di consentire la riapertura della struttura in modo regolare, ma non al completo per gli spazi esterni.

E poi c'è la scuola materna Alice, in viale Rustici, anche lei interessata ai lavori di adeguamento antisismico: in assenza di informazioni alle famiglie - ma non senza dubbi dei genitori, con la scuola ancora irraggiungibile telefonicamente - si dà per assodata l'apertura regolare. E la conferma arriva dalla vicesindaca Paci: l'apertura sarà regolare.

"Al di la' dei disagi - commenta il Comitato di genitori - sarebbe opportuno avere conferma della corretta esecuzione dei lavori, visto che si parla di migliorie antisismiche: apprezziamo lo sforzo di questa amministrazione relativa alle strutture comunali ed al loro adeguamento alle normative nazionali ma una comunicazione dell'assessorato ai lavori pubblici spazzerebbe via ogni dubbio a riguardo". 

Ma - aggiungiamo - servirebbe anche maggiore chiarezza e tempestività (trasparenza?) nelle notizie che interessano tante famiglie su un tema così importante come le riaperture scolastiche.