Archivio

Tifosi

Al Tardini la nuova casa del Coordinamento

23 settembre 2016, 07:00

Al Tardini la nuova casa del Coordinamento

Marco Bernardini

E’ stata inaugurata ufficialmente ieri sera, alla presenza di giocatori, dirigenti e staff tecnico, la nuova sede del Centro di Coordinamento dei Parma Clubs, la “casa dei tifosi” che sorge ora nella storica palazzina Maria Luigia proprio di fianco all’ingresso dello stadio Tardini. Alle 19,43, in diretta su Tv Parma, il taglio del nastro da parte del presidente del Centro di Coordinamento, Angelo Manfredini, affiancato dall’Assessore allo Sport Giovanni Marani e dal direttore generale del Parma, Luca Carra.

«E’ un sogno che si avvera, sto toccando il cielo con un dito - le prime parole di Manfredini visibilmente raggiante - ringrazio l’amministrazione comunale, il Parma Calcio, i collaboratori che si sono impegnati assieme a noi per inaugurare la nuova sede e gli Ex Gialloblù. Ora siamo un corpo unico, era importante avere la sede all’interno dello stadio al fine di rafforzare ancora di più l’unione tra tifosi, squadra e società».

Un progetto studiato e pensato fin dalla metà degli anni Novanta. «L’idea nacque nel ‘96 quando chiedemmo invano di entrare nell’altra palazzina adiacente dove adesso c’è la farmacia, non abbiamo mai mollato la preda continuando a lavorare attorno al progetto».

Il trasloco da via Minghetti a piazzale Risorgimento, la nuova struttura era già operativa e funzionante da un paio di mesi, porterà indubbi benefici. «Siamo tra le poche tifoserie in Italia ad avere la sede all’interno dello stadio, il Comune e la società nutrono massima fiducia in noi che ci sentiamo sempre di più parte integrante della grande famiglia del Parma».

Tantissime le foto, i ritagli di giornale e le enciclopedie tra passato e presente che ripercorrono la storia del club crociato e rendono ancora più accogliente la sede.

«Da Mora a Nocciolini c’è racchiuso tutto quanto il Parma ha fatto in questi anni, ben vengano i tifosi più nostalgici che vogliono rivivere le emozioni di un tempo». Accanto a lui, a nome di tutto il Consiglio, il presidente del Parma Club Monticelli, Giorgio Iotti non può nascondere l’enorme gioia. «Dovevamo venire qua già ai tempi della presidenza di Franco Grossi, è una soddisfazione per tutti noi che possiamo organizzare più comodamente anche le trasferte trovandoci nel parcheggio dello stadio».

Le reazioni

La consegna del defibrillatore, donato dal Centro di Coordinamento al Comune di Parma, che verrà posizionato in Cittadella è stato uno dei momenti significativi di una giornata storica per i tifosi crociati. L’assessore allo Sport, Giovanni Marani, applaude la nuova sede a pochi passi dall’entrata dello stadio Tardini. «Il lavoro dei volontari è stato eccezionale, un luogo aperto alla città dove venire a vedere e scoprire la storia della squadra. Una bella festa, i giocatori a Parma hanno sempre trovato una dimensione umana, da persone comuni grazie a quel modo genuino e spontaneo che si può riscontrare tra la nostra gente». La conferma arriva dal direttore generale del Parma, Luca Carra. «C’è un rapporto fantastico, ci aiutano tantissimo nell’organizzazione delle partite e poter avere i tifosi vicino allo stadio ed alla società era uno dei nostri obiettivi principali fin dalla nascita». Poi ecco la sfilata dei cinque capitani presenti, in rigoroso ordine alfabetico, Apolloni, Cardone, quello attuale Lucarelli, Minotti, Morrone.

«Ringrazio i tifosi -conclude il responsabile dell’area tecnica, Lorenzo Minotti - speriamo di tornare qua dentro a festeggiare qualcosa d’importante». M.B.