Archivio

Busseto

Arrivano i nomadi: l'assessore li manda via

di Paolo Panni

08 ottobre 2016, 00:55

Arrivano i nomadi: l'assessore li manda via

Tolleranza zero, nei confronti dei nomadi, a Busseto. Dopo che, solo poche settimane fa, un gruppo di loro era stato allontanato subito dopo essersi fermato a Busseto: nei giorni scorsi, la stessa sorte è toccata ad alcune roulotte di nomadi che si erano accampate nella campagna della città di Verdi.

Segnalazione

Ad allontanarle prontamente è stata l’assessore comunale alla Sicurezza Elisa Guareschi. A seguito della segnalazione di un cittadino, la Guareschi si è portata di persona in via Stradivari, dove stazionavano sei roulotte e altrettante auto di cittadini nomadi.

«Dopo essermi identificata - ha detto - ho spiegato loro che l’amministrazione di Busseto non ha nessuna intenzione di tollerare la loro permanenza sul territorio in quanto non sussistono le condizioni igienico-sanitarie e di sicurezza».

Intervento

«E’ essenziale intervenire - ha aggiunto ancora l'assessore - prima che le persone stacchino l’auto dalla roulotte e inizino a perlustrare il territorio; per questo non smetterò mai di ribadire l’importanza della collaborazione dei cittadini e della solerzia delle loro segnalazioni, strumento fondamentale per ottenere il risultato, ovvero l’allontanamento di persone che in modo prepotente si arrogano il diritto di stanziare sul nostro territorio facendo valere le loro regole, stendendo i vestiti sulle recinzioni delle ditte della zona artigianale, aprendo idranti e lasciando immondizia sparsa ovunque».

Episodio sui social

L’accaduto è prontamente finito anche sui social network e la Guareschi ha risposto semplicemente dicendo: «dovere» perché è «dovere morale di ogni amministratore - ha affermato - tutelare i propri cittadini con ogni strumento consentito dalla legge; da alcuni mesi abbiamo emesso un’ordinanza di divieto di sosta di camper e roulotte in zone sensibili del paese proprio per scongiurare la permanenza di nomadi; ad oggi posso affermare che si è rivelata essere un ottimo deterrente».