Sei in Archivio

NOVITA'

Q2, l'Audi che farà strage di cuori (femminili)

di Lorenzo Centenari -

01 dicembre 2016, 22:07

Prepariamoci al «diluvio» di Q2. Per un mercato che abusa degli slogan e rivendica la paternità di nuove nicchie anche quando stenta la domanda, ecco l’auto che scompiglierà equilibri storici. Persino a casa propria. Carrozzeria da Suv-coupé piccola taglia, propulsori di ridotta cubatura e pulsazioni da Gran premio, tecnologia di bordo da competere col ponte di comando di una nave. E un marchio premium sul frontale che mai come oggi, coi record nazionali a susseguirsi (54.580 unità vendute: per la divisione italiana il 2016 è sin qui l’anno più profittevole di sempre), colpisce l’immaginario popolare per progetti all’avanguardia e senso artistico ispirato.

LA COMBINAZIONE  GIUSTA Incrociando cifre e lettere dell’alfabeto, con Q2 (a partire da 25.000 euro) i Quattro Anelli indovinano stavolta la combinazione «sbanca jackpot». E con faccia tosta approcciano le donne: dalle prime proiezioni, la quota di contratti femminili ammonta a 3 ogni 10, ben al di sopra del 10% che registra normalmente il resto della gamma Audi. Il destino da best seller di Q2, probabile «cannibale» delle consorelle A3 e Q3, è scritto nei suoi geni: le dimensioni sono quelle di una classica segmento C (4,2 metri scarsi), col vantaggio della seduta lievemente rialzata e - soprattutto - di una distanza tra i due assi che favorisce abitabilità (più ai passeggeri anteriori, per la verità, che non alle seconde linee) e armonia dell’immagine.

ANIMA ITALIANA Già, il design, questo capolavoro. Accattivante griglia «single frame» ottagonale, fiancate sfaccettate come fossero intagliate nella pietra, arco del tettuccio a scivolare dolcemente verso il basso. «Spiandola» da dietro, infine, la Q2 porge una schiena da rugbista che ricorda l’appartenenza al mondo Suv. Una tedesca dall’anima tricolore: di studiare stile, ingegneria e dinamica si è incaricata Italdesign, da qualche tempo partner del Gruppo VW. Ora una sbirciata all’abitacolo: niente sorprese, ma è un bene. L’ambiente è il medesimo di qualsiasi Audi di ultima generazione, quindi accessoriato, policromatico, qualitativo ed ergonomico.

PRIMA LA SICUREZZA L’allestimento standard si concentra sulle funzioni di sicurezza (Esc, servosterzo progressivo, «Audi pre sense front» e «city» con riconoscimento pedoni), mentre per godere di sistema di navigazione MMI plus e Virtual Cockpit occorre l’upgrade alla Business (+2.500 euro), ma - verrebbe da dire - l’effetto scenico val bene lo sforzo. Grazie alla «embedded Sim» compresa nel pacchetto Audi Connect, la connessione internet è inoltre attiva «h24».

SOTTO IL COFANO Con quale carburante alimentare la Q2? Il gasolio è la risposta più facile, tuttavia - oltre al 1.6 TDI 116 Cv e al 2.0 TDI 150/190 Cv - l’offerta include anche un 1.0 TFSI 3 cilindri turbo benzina (116 Cv) che per rapporto consumi-prestazioni merita un pensiero. Senza contare i 150 Cv del 1.4 TFSI «cylinder on demand», sopraffino esercizio di elettronica. La vocazione dell’«untaggable» (inetichettabile) crossover assemblato ad Ingolstadt è il pendolarismo urbano: superfluo acquistare la trazione integrale «quattro», in ogni caso prevista sulla 2.0 TDI. Un affare, al contrario, la trasmissione sequenziale doppia frizione S tronic, 7 rapporti che si avvicendano senza soluzione di continuità. Compatta, sensuale, hi-tech: Audi Q2 incarna i sogni della classe media. La «migrazione» da altri brand è cominciata.

L’IDENTIKIT
Audi Q2 1.0 TFSI S tronic
Dimensioni lungh. 4191 mm, largh. 1794, altezza 1508, passo 2601
Bagagliaio 405 (1050) litri
Motore 999 cc, 3 cilindri, 12 V, turbo benzina. 116 Cv.
Trasmissione cambio automatico doppia frizione 7 rapporti S tronic, trazione anteriore
Prestazioni vel. max. 197 km/h, 0-100 in 10”3
Consumi 5,1 l/100 km (misto)
Emissioni CO2 117 g/km
Prezzi 27.200 euro, 29.700 euro (Business), 28.800 euro (Sport/Design)
CI PIACE
Proporzioni e stile carrozzeria, altezza posizione di guida, potenza specifica del «mille» 3 cilindri
NON CI PIACE
Versione base sprovvista di molteplici funzioni, spazio passeggeri posteriori limitato

© RIPRODUZIONE RISERVATA