Sei in Archivio

film recensioni

Paterson - Jarmusch autore di un film delicato e profondo

La poesia nella vita di un autista di bus

di Filiberto Molossi -

07 gennaio 2017, 13:01

Paterson  - Jarmusch autore di un film delicato e profondo

«Sono solo parole scritte sull'acqua». E invece no: perché se la poesia non può salvare il mondo, certamente può farcelo accettare. E, qualche volta, persino renderlo un posto migliore. Ci sono film che hanno una bella faccia, altri che mostrano i muscoli: questo ha un animo puro. E un cuore che batte sottovoce. E il volto strampalato e rockettaro di Jim Jarmusch, che ci regala uno dei suoi personaggi più belli e serenamente intensi: l'autista-poeta di un bus che si chiama come la città dove vive - Paterson - e che, tra una pausa e l'altra del suo viaggio esistenziale, compone versi portando con sé oltre alla foto della moglie il ritratto di Dante Alighieri... Fatto di piccoli dettagli e di altrettanto minimi trionfi e cadute, «Paterson» è il film empatico e introspettivo, delicato come una carezza, pesante quanto una goccia di pioggia che scivola sui capelli di una bimba, con cui il regista di «Ghost dog» e «Dead man» porta il suo cinema stralunato e il suo realismo romantico nella città natale di William Carlos Williams (gran bella riscoperta) e di Allan Ginsberg (ma anche di Gianni e Pinotto), la stessa dove l'anarchico Gaetano Bresci maturò l'idea di uccidere il re d'Italia. E' qui che con calviniana leggerezza (e filosofia orientale) Jarmusch segue una settimana nella vita, monotona eppure sommessamente felice, di un giovane conducente dell'autobus (Adam Driver, il cattivo dell'ultimo «Star Wars», che fa un gran lavoro di sottrazione) amante della poesia e allergico agli smartphone: il risveglio (sempre ripreso dall'alto) insieme a una moglie che ogni giorno si cuce addosso un sogno diverso (dalla pasticciera specializzata in cupcakes alla cantante country), il giro in bus, la sosta serale al pub. Tra colleghi che vedono sempre il bicchiere mezzo vuoto, baristi che sfidano a scacchi se stessi, rapper che cercano le rime in una lavanderia a gettone, innamorati infelici che minacciano il suicidio con una pistola finta, vecchi film in bianco e nero. E un impagabile e gelosissimo bulldog... Nella poesia della normalità, i pensieri diventano versi e i versi parole: scritte sullo schermo, capaci di accendere spie, come «un fiammifero sobrio e furioso pronto a prendere fuoco». Tra delusione e speranza, strani incontri e dialoghi (come sempre nel cinema del regista americano) felicemente fuori schema: e l'ironia bizzarra di chi sa che solo i grandi sanno raccontare le piccole cose.
Giudizio: 4 stelle su 5

SCHEDA
REGIA E SCENEGGIATURA: JIM JARMUSCH
FOTOGRAFIA: FREDERICK ELMES
INTERPRETI: ADAM DRIVER, GOLSHIFTEH FARAHANI, RIZWAN MANJI, CHASTEN HARMON, IL BULLDOG NELLIE
Usa/Fra/Ger 2016, colore, 1 h e 58'
GENERE: COMMEDIA/DRAMMA
DOVE: EDISON