Sei in Archivio

Fort Lauderdale

Sparatoria in aeroporto: salvato dal laptop nello zaino

Steve Frappier, un consulente di 37 anni, ha rischiato di essere la sesta vittima di Esteban Santiago

07 gennaio 2017, 19:38

Sparatoria in aeroporto:  salvato dal laptop nello zaino

Salvato da un computer portatile: Steve Frappier, un consulente di 37 anni, ha rischiato di essere la sesta vittima di Esteban Santiago ieri pomeriggio nell’area ritiro bagagli dell’aeroporto di Fort Lauderdale, in Florida, se non fosse stato per il laptop riposto nello zainetto che portava in spalla.

Il quotidiano Miami Herald racconta oggi la storia di Frappier pubblicando nella sua edizione online un’immagine del computer portatile in questione con il bordo divelto da uno dei proiettili calibro 9 sparati dell’ex soldato 26/enne.  Frappier ha detto al giornale di avere avvertito un colpo attutito alla schiena, ma di non essersi reso conto immediatamente che si trattava di un proiettile. Solo quando Santiago si è arreso alla polizia e l’uomo si è alzato da terra semi stordito dalla sparatoria ed è andato in bagno, si è accorto del foro di proiettile nel suo Macbook Pro.

Il consulente ha poi consegnato lo zainetto agli agenti dell’Fbi che hanno trovato il proiettile al suo interno. «Se non avessi indossato lo zaino il proiettile mi avrebbe colpito tra le spalle», ha detto Frappier: «Ancora non mi sembra vero».