Sei in Archivio

solidarietà

Donato alla scuola in ospedale materiale scientifico per i bambini

Programma “Imparare fa bene” con il CONI e la Società italiana di Pediatria

26 gennaio 2017, 16:38

Donato alla scuola in ospedale materiale scientifico per i bambini

Un viaggio dentro il corpo umano accompagnati dalle maestre della Scuola in Ospedale, grazie a un mobile della scoperte arrivato con un carico di schede illustrative a tema scientifico, pensate e concepite nell’ambito del progetto “Imparare fa bene”. Il ricovero, per i giovanissimi, diventa dunque un’occasione per conoscere meglio come funziona il nostro organismo e come si chiamano cellule e organi che lo compongono. All’interno del mobile, realizzato appositamente e dipinto a mano dall’artista Silvia Zacchello, gli studenti trovano schede didattiche operative e materiali per scoprire il corpo umano divertendosi in maniera interattiva. Tutti i materiali sono pensati per adattarsi a varie fasce d’età in modo da favorire i gruppi classe che si formano all’interno della Scuola in Ospedale e per accostare i ragazzi ai benefici importanti della narrativa in medicina, reinterpretata in una prospettiva e ludica e educativa. Infine il mobile delle scoperte offre spunti e curiosità correlati allo stile di vita attivo e alle discipline sportive, a firma del CONI.
“Siamo contenti di essere tra i beneficiari di questo progetto, sappiamo bene quanto sia importante permettere a bambini e ragazzi ricoverati o in day hospital di dare continuità al percorso scolastico – dichiara Gianluigi de’Angelis, direttore del dipartimento Materno-infantile dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma - Progetti come questo danno la possibilità di arricchire il programma con strumenti didattici che consentono di imparare divertendosi. “La donazione, come sottolinea il dirigente della Scuola in ospedale Graziana Morini: “serve a dare specificità all’esperienza di vita che i ragazzi vivono nel momento del ricovero”. Infatti, il bisogno che si intuisce, ribadisce Giovanna Campaniello, responsabile Qualità dell’Ospedale: “è importante in se stesso e fa parte della cura”.