Sei in Archivio

Sostenibilità

Davines diventa B Corp

06 febbraio 2017, 16:24

Davines diventa B Corp

Per chi fa impresa ci sono primati che hanno un grande valore al di là della crescita di fatturato e utili. Un bell'esempio è il gruppo Davines, noto marchio della cosmetica - ovvero la prima azienda di Parma ad aver ottenuto la certificazione B Corp. Un traguardo che le permette di entrare nella rete globale di 2.000 aziende che hanno ridefinito il proprio modello di business utilizzandolo come forza a impatto positivo sulle persone e sul pianeta.
Fra le realtà che condividono questi valori con Davines nel mondo, la società di abbigliamento outdoor Patagonia e la piattaforma online change.org. Fra le aziende italiane, invece, Banca Prossima e Fratelli Carli.
«Dopo la pubblicazione dell’annuale “Sustainability Report”, l’anno si è chiuso in maniera particolarmente significativa per il nostro gruppo - fanno sapere da Davines - grazie all’ottenimento della certificazione B Corp».
In Italia il gruppo si inserisce tra le prime 40 aziende pioniere certificate, entrando ufficialmente nel network globale di B Corporation che, oltre all’obiettivo del profitto, competono per massimizzare l’impatto positivo apportando soluzioni tangibili alle problematiche ambientali e sociali, rispettando al contempo i più elevati standard di performance, trasparenza e responsabilità.
L’azienda, in virtù della propria vocazione internazionale, ha peraltro scelto di certificare tutto il gruppo comprensivo delle sue filiali, a oggi 6 a livello globale.
«Questo traguardo è stato ottenuto grazie ai risultati positivi conseguiti in numerosi ambiti - viene sottolineato - l'analisi del ciclo di vita dei prodotti (Slca) in base al loro impatto ambientale e sociale; la riduzione dei materiali riguardanti il packaging primario, secondario e terziario con una progressiva scelta a minor impatto ambientale ed un design dei prodotti più responsabile; aumento della quota di rifiuti destinata al riciclo, coinvolgimento di tutti i fornitori nel percorso di certificazione particolare attenzione al benessere dello staff aziendale. E a riprova di questo aspetto l’azienda ha deciso per il 2017 di destinare ai suoi dipendenti un premio partecipazione utili e la possibilità di usufruire di un «pacchetto welfare» di beni e servizi per migliorare la salute e lo stile di vita dei propri collaboratori.
«I valori di Davines sono la nostra mission quotidiana: bellezza, sostenibilità, ricerca dell’eccellenza nel prodotto, internazionalità, volere rappresentare una forza benevola nello sviluppo dei nostri partner e della nostra comunità – spiega Davide Bollati, presidente del gruppo –. Diventare B-Corp significa per Davines contribuire concretamente a realizzare questi valori anche nel nostro territorio, a cui siamo molto legati, per renderlo più sostenibile e, al tempo stesso, sempre più bello».
«Ci ha confortato scoprire che esiste un movimento di imprese che si ispira agli stessi principi nei quali crediamo, ci fa pensare con ottimismo alla possibilità che l’economia diventi uno strumento al servizio del benessere della società e non viceversa - aggiuge Paolo Braguzzi, ad di Davines -. Queste scelte si rispecchiano positivamente infatti anzi sul business: i dati consolidati del 2016 sono di prossima pubblicazione, ma possiamo anticipare che confermano il trend positivo di crescita dell’azienda degli ultimi anni».

© RIPRODUZIONE RISERVATA