Sei in Archivio

STATISTICA

La montagna perde abitanti? Tizzano no: 20 residenti in più

Cento i nuovi iscritti nei registri del Comune, la metà sono stranieri

di Beatrice Minozzi -

26 febbraio 2017, 00:30

La montagna perde abitanti? Tizzano no: 20 residenti in più

E’ positivo il saldo anagrafico del Comune di Tizzano. La popolazione residente nel Comune della Val Parma, infatti, è passata dalle 2077 unità dell'1 gennaio 2016 (di cui 1030 maschi e 1047 femmine) ai 2097 del 31 dicembre scorso, 1041 maschi e 1056 femmine. Un saldo positivo di 20 unità, quindi, con un trend in controtendenza rispetto a tanti altri comuni montani che si ritrovano a combattere, invece, con lo spopolamento. 18 i nuovi nati, di cui 5 maschi e 13 femmine, mentre i morti sono 26. Il saldo naturale è quindi negativo, indice di una popolazione che tende comunque ad invecchiare oppure a trasferirsi altrove (78 i trasferimenti verso altri comuni) ma che viene comunque compensato dai 100 nuovi iscritti all’anagrafe comunale, la metà dei quali sono cittadini stranieri. E’ infatti positivo il saldo dei cittadini stranieri residenti nel territorio comunale: si è passati dai 257 dell'1 gennaio 2016 ai 278 di 12 mesi dopo. I 2097 tizzanesi che attualmente sono iscritti all’anagrafe comunale sono suddivisi in 1035 famiglie, di cui 115 contano almeno un cittadino straniero. Stranieri che provengono sia da altri Paesi dell’Unione Europea - sono ben 86 i cittadini rumeni residenti a Tizzano, a cui si aggiungono una cittadina lettone, una dei Paesi Bassi e una del Regno Unito - ma diversi sono anche i cittadini di altri paesi europei come Albania, Moldavia, Serbia, Russia Macedonia e Ucraina, oppure di altri paesi del mondo - 69 i marocchini, 45 gli indiani e 18 i senegalesi, ma ci sono anche alcuni ivoriani, ghanesi, nigeriani, tunisini e brasiliani. «Quest’anno abbiamo avuto un picco positivo delle nascite - commenta il sindaco Amilcare Bodria - e non posso far altro che accogliere con soddisfazione il dato. Dall’inizio del nostro mandato, infatti, ci siamo spesi per cercare di dare alla popolazione tizzanese quei servizi alla persona che di solito sono presenti solo nei centri maggiori, a partire dall’asilo nido e da scuole primarie e secondarie all’altezza dei tempi fino al Palazzetto dello Sport, ma stiamo lavorando ancora per migliorare ulteriormente i servizi che riguarderanno l’intero comprensorio Sud Est. Abbiamo infine la fortuna di avere sul territorio comunale due piccoli poli industriali, Lagrimone e Capoponte, che garantiscono l’occupazione alle famiglie».