Sei in Archivio

Tennis

Miami: il sogno di Fognini s'infrange contro il muro di Nadal

L'italiano ha ceduto per 6-1 7-5, in poco più di un'ora e mezza di partita. Lo spagnolo in finale

31 marzo 2017, 23:15

Miami: il sogno di Fognini s'infrange contro il muro di Nadal

Finisce in semifinale il sogno americano di Fabio Fognini. Al «Miami Open», secondo Atp Masters 1000 del 2017, dotato di un montepremi di 6.993.450 dollari, in corso sui campi in cemento del Tennis Center di Crandon Park, in Florida, il 29enne di Arma di Taggia, numero 40 Atp, ha ceduto per 6-1 7-5, in poco più di un’ora e mezza di partita, allo spagnolo Rafael Nadal, numero 7 Atp e quinta testa di serie.


Fognini è apparso un po' stanco e troppo falloso e il suo avversario non se lo è fatto ripetere due volte, ha accettato i tanti "regali" dell’azzurro chiudendo il primo parziale per 6-1 in appena 25 minuti.

In avvio di seconda frazione l’azzurro ha annullato con una buona prima una palla-break ed è riuscito a tenere la battuta interrompendo a cinque la striscia di giochi consecutivi vinti dallo spagnolo. Nel terzo gioco Fognini ha annullato quattro palle break (le prime tre consecutive), complice anche qualche errore del maiorchino, ed ha difeso con i denti il turno di servizio. Stesso discorso in un quinto gioco ancora più lungo e combattuto che il ligure ha portato a casa, alla sesta palla utile, grazie a due rovesci uno più bello dell’altro: incrociato in contropiede quello del vantaggio, lungo linea quello che ha chiuso il game. Nel settimo gioco il tennista ligure ha trovato anche il modo di sorridere per un episodio curioso: Rafa ha infatti perso una scarpa nel tentativo di scattare per recuperare un drop-shot dell’azzurro.

Nel game successivo per la prima volta c'è stata lotta anche sul servizio dello spagnolo, con Fognini arrivato a 30 (prima volta nel match) e poi a 40, ma Nadal ha respinto l’attacco (4-4). Nono gioco da dimenticare per Fabio segnato da una palla corta portata via dal vento e da un doppio fallo che ha consegnato il break a Nadal, che nel game successivo ha archiviato l’incontro.