Sei in Archivio

MILANO

Corona, urla in aula contro il fidanzato di Nina Moric

27 aprile 2017, 21:51

Corona, urla in aula contro il fidanzato di Nina Moric

Nervosismo, occhiatacce e alla fine le urla di Fabrizio Corona davanti ai giudici. E’ stato un faccia a faccia ad alta tensione, come prevedibile, quello tra l'ex re dei paparazzi e il testimone Luigi Favoloso, fidanzato della modella Nina Moric, ex moglie dell’ex agente fotografico, accusato dallo stesso Corona di aver messo una bomba carta sotto casa sua lo scorso agosto. Un episodio che ha fatto scattare le indagini che hanno portato di nuovo in carcere l’ex "fotografo dei vip" per quei 2,6 milioni di euro in contanti trovati in un controsoffitto e in parte anche in Austria.
L'11 aprile Corona in aula, a proposito dell’attentato subito, aveva detto: «Penso che sia stato il fidanzato della mia ex moglie». Il «movente», stando alla sua versione, «era quello di ottenere la custodia di mio figlio e toglierla a me». Favoloso, intanto, ha annunciato una querela per calunnia nei confronti di Corona e un’altra per diffamazione a carico della blogger Selvaggia Lucarelli che mandò un sms alla difesa di Corona con scritto: «Il fidanzato della Moric mi chiamò per dirmi della bomba per primo. Non era uscito neppure sui giornali. Sapeva dove era stata messa e a che ora».
Quando i giudici hanno deciso di rimandare la deposizione all’11 maggio, Corona si è messo ad urlare. «E' diritto mio e di mio figlio, non l’ha fatto la Procura, giudice lo faccia lei che è un uomo giusto», ha detto (subito redarguito dal presidente Guido Salvini) facendo riferimento alla richiesta dei suoi difensori di sentire l'imprenditore come teste "puro".
Nel frattempo Favoloso fuori dall’aula faceva presente che Corona «è stato aggressivo». Per la prossima udienza verrà citata tra i testi anche l’ex compagna di Corona, Belen Rodriguez.