Sei in Archivio

TORINO

Calcio: ultrà Juve e 007, moglie 'riaprite indagini'

Suicida lo scorso luglio. Il legale, 'troppe incongruenze'

02 maggio 2017, 15:20

(ANSA) - TORINO, 2 MAG - La magistratura riapra le indagini sulla morte di Raffaello Bucci, capo ultrà della Juventus morto lo scorso luglio dopo essere precipitato da un viadotto dell'autostrada Torino-Savona. Lo chiede Gabriella Bernardis, l'ex compagna dell'uomo, informatore dei servizi segreti, suicida il giorno dopo essere stato ascoltato come teste nell'inchiesta di 'ndrangheta Alto Piemonte. "Ci sono troppe incongruenze", sostiene il suo avvocato, Paolo Verra, che in settimana depositerà l'istanza alla Procura di Cuneo. "A iniziare dalle lesioni all'occhio e alla mandibola sul corpo di Bucci - prosegue - incompatibili con la caduta in cui ha perso la vita. Lesioni che fanno pensare a un pestaggio, che però non sappiamo collocare". "Raffaele non si è suicidato. Semmai è stato indotto al suicidio - dice l'ex compagna -. Non era il tipo di buttarsi giù dal ponte. Qualcuno l'ha spinto a farlo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA