Sei in Archivio

VENERDI' 5 MAGGIO

Brucia un deposito di plastica: panico e nube tossica vicino a Roma

L'incendio a Pomezia: vietato aprire le finestre in 21 comuni

05 maggio 2017, 21:36

Brucia un deposito di plastica: panico e nube tossica vicino a Roma

 Incendio in un deposito di materie plastiche sulla Pontina. Alta nube di fumo nero e allarme a Pomezia, sud di Roma. Il rogo è divampato nell’azienda Eco X che tratta materiali di recupero. Il sindaco del comune pontino chiede ai cittadini di lasciare le case. Virginia Raggi, sindaca della Città metropolitana, invita a chiudere le finestre in 21 Comuni. Legambiente vuole chiarezza su cause e conseguenze in termini di inquinamento di aria e suolo. Il ministro dell’Ambiente Galletti monitora con Arpa e Ispra. Un testimone: 'Sembrava la nube di Chernobyl'. Chiuse scuole della zona. La procura di Velletri apre un’inchiesta per incendio colposo.

MACRON CRESCE NEI SONDAGGI, LE PEN ASSEDIATA DALLE PROTESTE
ULTIMO GIORNO DI CAMPAGNA ELETTORALE, SFIDA NELLE CATTEDRALI

Scappa via Marine Le Pen, vittima di una nuova contestazione con lancio di uova, con Nicolas Dupont-Aignan dalla cattedrale di Reims. Nell’ultimo giorno di campagna presidenziale, la candidata del Front National e il suo alleato hanno deciso di uscire da una porta secondaria per non affrontare la folla di giovani anti-Fn assiepata fuori dallo storico edificio religioso. Le Pen in un tweet: «Violenze anche in cattedrale, nessuna dignità». Cresce il vantaggio di Macron: 62% a 38%.

UCCISE E BRUCIO' L’EX FIDANZATA, CONDANNATO ALL’ERGASTOLO
UN ANNO FA L’OMICIDIO DI SARA A ROMA. LA MAMMA: GIUSTO COSI'

E' stato condannato all’ergastolo Vincenzo Paduano, l’uomo che il 29 maggio dello scorso anno a Roma strangolò e diede alle fiamme la sua ex fidanzata Sara Di Pietrantonio nei pressi del quartiere Magliana. La sentenza è stata emessa a conclusione del processo con il rito abbreviato, dal gup Gaspare Sturzo. "Sentenza giusta e morale», ha detto Concetta, la mamma di Sara.

DALL’ANM AL PD, TANTI NO ALLA LEGGE SULLA LEGITTIMA DIFESA
GRASSO:  MENO MALE CHE C'E' IL SENATO. SALVINI:  REFERENDUM

Tensione nel Pd dopo la marcia indietro di Renzi, no anche dell’Anm. Appena approvata alla Camera, il ddl sulla legittima difesa trova la strada sbarrata dalla polemiche all’approdo al Senato dove, se non cambia, non ha i numeri per la conversione in legge. 'Non serviva ed è anche un pò confusà, per Eugenio Albamonte. presidente dell’Associazione magistrati. Salvini annuncia che la Lega è pronta al referendum se la legge dovesse passare. Ma Piero Grasso si prende una piccola rivincita a nome di Palazzo Madama: 'Meno male che c'è il Senatò, dice prevedendo la possibilità di modifiche.

 LA COREA DEL NORD ACCUSA: LA CIA VUOLE UCCIDERE KIM 
MINACCIANO ATTACCHI A INTELLIGENCE USA E 007 SUDCOREANI

La Corea del Nord ha minacciato di sferrare un attacco "anti-terroristico» contro le agenzie di intelligence sudcoreana e americana dopo averle accusate di volere assassinare il leader Kim Jong-un: lo scrive l’agenzia di stampa sudcoreana Yonhap citando il ministero della Sicurezza statale nordcoreano. "Staneremo e distruggeremo senza pietà fino all’ultimo i terroristi dell’americana Cia» e del servizio di intelligence nazionale della Corea del Sud, ha annunciato il ministero in un comunicato pubblicato dall’agenzia di stampa Kcna.

JUNCKER:  L’ITALIA HA SALVATO L’ONORE DELL’EUROPA SUI MIGRANTI
ABUSI SESSUALI SU 18 MILIONI DI MINORI IN UE, MOLTI PROFUGHI

'L'Italia ha salvato l’onore dell’Europa sui migrantì, dice il presidente della Commissione Juncker al The State of the Union a Firenze. Ringrazia il premier Gentiloni. In Europa sono 18 milioni i bambini vittime di abusi sessuali, secondo Telefono Azzurro. Molti sono minori richiedenti asilo non accompagnati. Sulla nave Phoenix con 394 persone a bordo soccorse su tre natanti c'è anche «il cadavere di un ragazzo con una ferita da arma da fuoco». Secondo testimoni è stato ucciso perchè non ha voluto dare il suo cappellino da baseball ad un trafficante, riferisce la ong Moas.

FOLLIA ULTRA' LAZIO, MANICHINI ROMANISTI IMPICCATI AL COLOSSEO
AL GIRO D’ITALIA PRIMA MAGLIA ROSA E’ L’AUSTRIACO POSTLBERGER

Follia ultrà dopo il derby di Roma. Tre manichini di giocatori giallorossi sono sttai appesi da un ponte con vista sul Colosseo con tanto di striscione. La foto subito fa il giro del mondo. 'Cose che fanno paurà, dice Sinisa Mihajlovic, ex di Roma e Lazio, mentre arriva la rivendicazione degli ultrà laziali: 'Non ci scusiamo, nessuna minaccia, solo sano sfottò da derby'. La Procura di Roma è pronta a indagare per minacce aggravate. Il ciclista austriaco Lukas Postlberger è la prima maglia rosa del Giro d’Italia numero 100, ha vinto la prima tappa Alghero-Olbia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA