Sei in Archivio

TORINO

Sequestrò e uccise moglie amante, 'mantide Bruino' in cella

Dal 22 marzo era in ospedale per motivi salute. Delitto nel 2010

05 maggio 2017, 16:00

(ANSA) - TORINO, 5 MAG - Torna in carcere Maria Teresa Crivellari, nota alle cronache come la 'mantide di Bruino', condannata all'ergastolo con l'accusa di avere ucciso una rivale in amore e di averne poi seppellito il cadavere in giardino. Lo scorso 22 marzo la donna era stata ricoverata d'urgenza all'ospedale Molinette di Torino in seguito al differimento della pena per un sospetto caso di setticemia. Dopo un intervento chirurgico e un periodo di cure, il giudice ha emesso un ordine di carcerazione. Nel febbraio 2010 Crivellari fece rapire e poi uccise, forse con un cocktail letale di farmaci, Marina Patriti, moglie del suo amante Giacomo Bellorio e madre di tre figli. Il corpo della vittima venne scoperto dopo alcuni mesi. Per il delitto sono stati condannati anche il figlio della 'mantide di Bruino', Alessandro Marella, e gli esecutori materiali del sequestro, Andrea Chiappetta e Calogero Pasqualino. Ad assisterla è l'avvocato Giancarlo Mussano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA