Sei in Archivio

ROMA

Di Maio, ad Harvard onori e gentilezza. Da media falsità

Racconti giornalisti tendenziosi. Sono accecati da odio per M5S

06 maggio 2017, 15:10

(ANSA) - ROMA, 6 MAG - "In questi giorni per colpire me, si è deciso di far apparire Harvard come una Università di studenti e docenti spocchiosi che prima invitano un rappresentante delle istituzioni per discutere con lui e poi gli organizzano un processo per 'tartassarlo'. Nulla di più falso". Lo scrive in un lungo post sul blog di Grillo, Luigi Di Maio puntando il dito contro i media che hanno raccontato un'altra storia. "Questo - spiega - è stato il racconto tendenzioso e con gravi omissioni di alcuni giornalisti italiani che non erano lì, che sono accecati dall'odio nei nostri confronti e che per questo hanno già preso delle cantonate che resteranno nella storia del giornalismo italiano". Ed è per questo che "è mio dovere prima di tutto dirvi che ad Harvard sono stato accolto con il massimo degli onori e della gentilezza" facendogli firmare il Guest Book ("dove hanno apposto la loro firma reali e capi di stato di tutto il mondo") e "subito dopo mi hanno illustrato la storia del loro Ateneo in un tour guidato dagli studenti".

© RIPRODUZIONE RISERVATA