Sei in Archivio

MILANO

Processo Maroni:giudici, no a impedimento legale Governatore

Processo va avanti con legale di ufficio, in aula il 18/5

06 maggio 2017, 19:30

(ANSA) - MILANO, 6 MAG - Va avanti il processo in cui Roberto Maroni è imputato, con altri, per presunte pressioni per far ottenere un viaggio a Tokyo e un contratto a due sue ex collaboratrici. Il Tribunale oggi ha respinto l'istanza di rinvio di Domenico Aiello, difensore del Governatore, bocciando il legittimo impedimento da lui avanzato per motivi di salute. Accolta, invece, la richiesta del pm Eugenio Fusco: il rinvio dell'udienza al prossimo 18 maggio per sentire gli ultimi testi dell'accusa. Se allora l'avvocato non sarà in grado di stare in aula, al suo posto ci sarà Lapo Becattini, legale d'ufficio già nominato che ha così anche il tempo di studiare le carte per "assicurare una adeguata difesa tecnica" a Maroni. Sebbene la visita fiscale di ieri abbia certificato una lombosciatalgia che costringe Aiello a stare a riposo, per i giudici l'impedimento va rigettato in quanto tale disturbo non ha "natura di malattia imprevedibile" e ha portato al rinvio di tre udienze e all'obbligo, non rispettato, di nominare un sostituto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA