Sei in Archivio

LA SPEZIA

Pubblica video porno su WhatsApp, rinviato a giudizio

31enne accusato di diffamazione e lesioni colpose

09 maggio 2017, 20:11

Pubblica video porno su WhatsApp, rinviato a giudizio

Ha diffuso via Whatsapp a migliaia di cellulari un video porno che ritraeva un donna in macchina con quattro uomini. Per questo un trentunenne di La Spezia è stato rinviato a giudizio per diffamazione e lesioni colpose. Lo scrive il Secolo XIX, nella sua edizione di La Spezia, a proposito della vicenda avvenuta nell’ottobre 2014 e che ha per per protagonista una quarantacinquenne che ha presentato querela nel 2016, dando impulso all’inchiesta avviata già due anni prima dalla polizia postale, dopo che il video era diventato virale.
Secondo gli inquirenti l’indagato è entrato in possesso delle immagini in un secondo tempo e   ha pubblicato «abusivamente sulla piattaforma internet Whatsapp un video di contenuto pornografico riproducente la vittima in atteggiamenti erotici offendendone la reputazione. Così facendo la donna veniva a trovarsi esposta alla visione e ai commenti volgari degli utenti della rete».
Il pm Maurizio Caporuscio contesta anche il reato di lesioni colpose perchè la diffusione del video «avrebbe ingenerato nella donna uno stato di grave perturbamento psichico che le provocava una malattia guarita entro il quarantesimo giorno».