Sei in Archivio

inchiesta Pasimafi

Fanelli e Allegri sospesi da Ospedale e Università

Provvedimento disciplinare "indeterminato" per l'ateneo, di tre anni per l'Azienda

11 maggio 2017, 17:41

Fanelli e Allegri sospesi da Ospedale e Università

A seguito della comunicazione ufficiale pervenuta dalla Procura della Repubblica, l’Università di Parma comunica di aver sospeso da oggi (11 maggio) per una durata indeterminata il professor Guido Fanelli e il dottor Massimo Allegri dai loro rispettivi ruoli di professore ordinario e di ricercatore universitario.

L'Azienda ospedaliero-Universitaria sospende per tre anni Allegri e Fanelli

L’Azienda ospedaliero-Universitaria comunica che il Comitato dei garanti ha accolto la richiesta del provvedimento disciplinare nei confronti di Guido Fanelli e di Massimo Allegri che pertanto sono sospesi per 3 anni dall’attività assistenziale svolta presso il reparto di 2° Anestesia rianimazione e terapia antalgica.
“Se le accuse saranno confermate – ha dichiarato il direttore generale dell’Ospedale di Parma Massimo Fabi – l’Azienda sanitaria si considera parte lesa in questa vicenda e sta valutando i danni materiali e d’immagine subiti, a tutela dei tantissimi operatori della sanità che tutti i giorni si impegnano con serietà e passione nel loro lavoro”.
L’Azienda comunica inoltre che la nomina immediata, avvenuta di concerto con l’Università di Parma, di Maurizio Leccabue alla guida dell’unità operativa in qualità di direttore facente funzione ha garantito il pieno funzionamento del reparto e la presa in carico dei pazienti. Il dottor Leccabue ha incontrato il personale sanitario e gli specializzandi dei due servizi di anestesia dell’Ospedale Maggiore per ripartire con chiarezza e trasparenza. A cominciare da subito.
“Stiamo effettuando tutte le verifiche – spiega il dottor Leccabue – e possiamo affermare che non ci sono problemi clinici per i pazienti. Si è trattato, in alcuni casi, di mancato rispetto delle procedure formali previste dalla legge senza impatto sulla salute dei cittadini. Questo lo rimarco con decisione: “Non è in discussione la bontà dei farmaci, ma la procedura”.
Per fornire ogni spiegazione ai pazienti l’Azienda Ospedaliero-Universitaria ha attivato un numero telefonico di riferimento cui risponderanno i medici individuati dal nuovo direttore dell’Unità operativa Maurizio Leccabue. (telefono: 334.6077 983).