Sei in Archivio

Provincia

Costerà 12 euro il tesserino semestrale per la raccolta dei funghi in pianura

22 maggio 2017, 18:30

Costerà 12 euro il tesserino semestrale per la raccolta dei funghi in pianura

Il Consiglio provinciale ha approvato all’unanimità lo schema di convenzione con i Parchi Taro, Stirone e Boschi di Carrega e i Comuni di pianura e collina per il rilascio da parte della Provincia di un tesserino unico per la raccolta dei funghi epigei valido per tutti quei territori; il tesserino semestrale costerà 12 euro. 

Il Consiglio provinciale si è aperto con la comunicazione del presidente Filippo Fritelli sulla manifestazione dell’Unione Province d’Italia di giovedì scorso a Roma, a cui hanno partecipato il presidente Upi Variati e gran parte dei Presidenti provinciali. La manifestazione, che si è conclusa con l’incontro con la Presidente della Camera, aveva lo scopo di ottenere ulteriori finanziamenti per gli enti.
“Si è trattato della prima grande manifestazione nazionale dopo la nascita delle nuove Province, a cui hanno partecipato amministratori provenienti da tutto il Paese, al di là delle appartenenze politiche – ha spiegato Fritelli – Ci auguriamo che la prima trance sia completata con ulteriori finanziamenti da inserire nei prossimi decreti, in modo che possiamo chiudere i bilanci entro giugno.”

Poi la Delegata alla Scuola Grenti ha aggiornato il Consiglio sull’andamento dei lavori del Tavolo scolastico sull’accordo di Rete, tra Solari- Bocchialini Magnaghi e Itis Galilei che si riunisce anche oggi, e i cui tempi probabilmente slitteranno rispetto al crono programma previsto a suo tempo dal Consiglio provinciale.

Quindi il presidente Fritelli, rispondendo a un’interrogazione di Arduini (Provincia Nuova), ha spiegato le ragioni per cui il dispositivo Nanonopain fu presentato in Piazza della Pace nel marzo scorso, presente il prof. Fanelli, ora indagato. “Abbiamo accordato la sede della Provincia per valorizzare un progetto all’avanguardia di una ditta del nostro territorio, che è tuttora aggiudicataria di un finanziamento regionale nell’ambito del Por-Fesr per l’innovazione – ha affermato Fritelli - In quella sede si sono presentati diversi relatori, tra cui il dott. Fanelli, che era delegato dall’Università e che vedevo per la prima volta. Non esistono rapporti tra la Provincia e il Prof. Fanelli.”

Il dirigente del Servizio provinciale Viabilità dott. Annoni ha risposto ad un’interrogazione del consigliere Allodi (insieme per il territorio) in merito alla chiusura del Ponte Verdi sul Po, che sta provocando molti disagi, tra cui l’appesantimento di traffico sull’Asolana.
Annoni ha ribadito che la Provincia di Cremona sta rifacendo i giunti, mentre alla Provincia di Parma spetta il lavoro sulla struttura sottostante. Sul fronte finanziario, la Regione Emilia - Romagna sta per destinare l’annunciato milione di euro di fondi regionali, a cui si aggiungerà il milione della Provincia di Parma, una volta approvato il bilancio previsionale. In questi giorni, a traffico chiuso, si stanno eseguendo gli ultimi carotaggi e si saprà con certezza se le travi su cui occorre intervenire siano 6 o 7. I 2 milioni di euro previsti dovrebbero essere sufficienti. A giugno vi sarà un altro incontro con la Provincia di Cremona per verificare l’andamento dei lavori e per garantire la riapertura dal 1° luglio.

E’ stata poi approvata all’unanimità l’acquisizione in via definitiva di alcuni terreni nel Tizzanese già occupati a partire dal maggio 2013 per la realizzazione con somma urgenza di un bypass al tratto della Provinciale 665R Massese interrotta in frazione Boschetto. Inizialmente, l’intento della Provincia era quello di realizzare un’opera provvisoria, in vista del definitivo ripristino dell’asse viario principale. Ma il ripristino finora non si è potuto realizzare per mancanza di fondi e la bretella può risultare utile anche per il futuro, in quanto permette di ridurre sensibilmente il percorso dei veicoli provenienti da Tizzano e diretti verso monte (Cisone, Groppo, Lagrimone, Palanzano ecc.) e viceversa, evitando l’attraversamento del centro abitato di Boschetto. Il costo delle occupazioni e degli espropri ammonta a 60 mila euro.